I film della Marvel hanno stufato?

0
59
Questo post è stato pubblicato da this site

L’universo cinematografico della Marvel ha ridefinito il genere dei supereroi andando a creare una tipologia di franchise che tutta Hollywood sta cercando di emulare. Gli ultimi film, però, lasciano perplessi. Non dico che fossero brutti, ma guardandoli non ho potuto fare a meno di sospettare che la formula, fin troppo collaudata, sia prossima al logoramento. Ripetitività nell’evoluzione delle trame, mancanza di cattivi carismatici soprattutto negli ultimi film e altri difetti più o meno grandi, sono il sintomo di un probabile declino. Non dico che avesse ragione Steven Spielberg quando paragonava i cinecomic ai western e diceva che si trattava solo di un fenomeno passeggero, dico che rischiano di essere un fenomeno che non evolve, presumendo di essere invincibile.
Recentemente, girando su YouTube, ho visto il video di Direlogue, uno youtuber, dove mostra anche lui perplessità riguardo agli ultimi titoli, elencando i 5 grandi errori che Marvel stava commettendo.

[embedded content]

Il punto di vista di Direlogue è piuttosto duro e si basa su un’amara verità: i film dedicati ai supereroi non entusiasmano più come una volta.

Diventano così omogenei tra loro che risultano facilmente dimenticabili“. Sono come il cibo spazzatura delle catene di fast food: è ciò che pensiamo di volere ma va a finire che non ci soddisfano mai a pieno.
È vero?
Non so, però, è innegabile che lo storytelling visto in Doctor Strange sia prevedibile. La solita storia trita e ritrita dell’uomo in crisi che attraverso un momento di difficoltà, scopre nuovi valori, nuovi poteri e salva il mondo.

Leggi anche

Voi direte: “sono fatti così i supereroi”. Vero. Però è anche vero che il personaggio nel corso del film è approfondito pochissimo. La sua sfrenata ambizione di chirurgo, il suo egocentrismo sono appena menzionati, tanta è la fretta di portare a termine la trama.
Forse questa scarsa profondità è dovuta alla scelta di registi poco noti operata del presidente dei Marvel Studios, Kevin Feige (almeno rispetto ai nomi del passato: Guillermo del Toro, Ang Lee, Sam Raimi, Bryan Singer), scelta che, secondo molti, è dovuta al fatto che la produzione vuole avere il massimo controllo sul film. Fatto sta che il risultato, sono storie dove da un po’ di tempo manca un vero villain (l’ultimo che mi viene in mente è Loki) e le donne continuano a non avere il peso che meriterebbero.

Ma il problema più importante che si riscontra negli universi cinematografici è che i personaggi sono vincolati da una macro-struttura che irrigidisce tutto. Sempre secondo Direlogue, Marvel non può fare cambiamenti importanti nei singoli film perché potrebbero avere ripercussioni sulle altre trame connesse.
Ciò che è semplice da constatare è che assistiamo sempre più spesso a una serie di teaser movies, l’uno la scatola dell’altro e che a furia di ammiccare a nuovi capitoli e personaggi finiscono col non essere più autoconclusivi.

I prodotti Marvel sono film episodici a carattere industriale, non certamente un prodotto autoriale che può permettersi di “osare” qualcosa, inoltre devono tenere conto di un ampio target di pubblico che va dalla fascia infantile, agli adulti. In un meccanismo industriale simile, elementi come la psicologia dei personaggi, una loro precisa caratterizzazione, perdono rilevanza. Creare un eroe e avvicinarlo alle persone significa raccontare i suoi problemi, la sua caduta e la sua ascesa, i suoi disagi. Ci vogliono tempo e arte. Due qualità che riscontriamo sempre più di frequente nelle serie tv piuttosto che sul grande schermo.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui