Fisher & Paykel, la cucina smart alla neozelandese

0
198
Questo post è stato pubblicato da this site

Arrivano in Europa gli elettrodomestici di alta gamma del brand oceanico, parte del gruppo Haier. Materiali pregiati, tecnologie innovative e funzioni comode per ottenere il massimo in cucina. La produzione sarà anche in Italia

Spaziosa, comoda, pregiata e intelligente: così si sviluppa l’idea di cucina moderna di Fisher & Paykel, brand neozelandese che dopo Oceania e Asia fa rotta sull’Europa con elettrodomestici dalle funzioni innovative che agevolano le faccende domestiche. Lavastoviglie, forni e frigoriferi sono i prodotti di punta dell’azienda fondata nel 1934 da Maurice Paykel e Woold Fisher e dal 2012 sotto il controllo del gruppo Haier. I cinesi hanno mantenuto la struttura aziendale, con le due sedi di Auckland e Dunedin del New Zealand Design Centre, motore della progettazione e uno dei cinque maggiori punti di ricerca e sviluppo internazionale per la stessa Haier.

Il prodotto che ha più incuriosito è l’ultima generazione di DrishDrawer, lavastoviglie a cassetto concepita per facilitare il carico e ridurre i piegamenti. Il segno distintivo è il sistema basato su due cassetti indipendenti, che consentono di selezionare diversi programmi di lavaggio e separare le stoviglie in base al materiale, allo spazio o al peso, con un logico risparmio di corrente.

Il nuovo modello a incasso necessita di soli 2 millimetri nell’armadiatura della cucina, è disponibile nelle versioni Double, Single o Tall e offre la funzione Knock to pause per sospendere un ciclo con un colpo sulla parte anteriore della lavastoviglie.

L’Integrate Column Refrigerator è la nuova serie di frigoriferi, che si dividono in congelatori e frigo singoli oppure combinati. Tutti i modelli prevedono un pannello in acciaio inossidabile in dotazione, oppure un pannello personalizzabile scelto da ogni singolo utente e, soprattutto, la zona a temperatura variabile. Si regola dal pannello di controllo centrale e permette di impostare temperature diverse all’interno della stessa colonna: per esempio una si può regolare in modalità vino (da 7 a 15°C) e un’altra in modalità dispensa (12°C), mentre il congelatore può alternare un raffreddamento leggero oppure profondo (7°C nel primo caso, -25°C nel secondo). Per i frigoriferi a quattro porte le modalità di temperatura disponibili sono Fridge, Chili, Soft Freeze e Freezer in un solo comparto, regolabili utilizzando un unico tasto.

Quanto alle cucine, il marchio propone varie gamme freestanding adattabili ai diversi stili desiderati dai clienti: classica, contemporanea o professionale. Più si sale di livello e maggiori sono le funzioni di cottura, come il piano di cottura a induzione. Il forno in comune ha una capacità lorda di 134 litri e processi autopulenti per agevolare la pulizia.

Il tentativo di sfondare in Europa dei neozelandesi passa dall’Italia, perché dal 2006 Fisher & Paykel ha scelto il nostro paese per produrre parte dei loro elettrodomestici: lo stabilimento si trova a Borso del Grappa, 10 km da Bassano del Grappa, in provincia di Treviso. Qui il focus è sui prodotti di cottura di alta gamma, come forni da 130 l con piano di cottura a gas, griglie in ghisa e connettività Wi-Fi per, ad esempio, seguire ricette in tempo reale.

Leggi anche

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui