Air Madagascar cede il 49% a Air Austral in vista del rilancio

0
19
Questo post è stato pubblicato da this site

Air Austral acquisirà il 49% del capitale azionario di Air Madagascar, rappresentata in Italia da Global Distribution Sales & Marketing. L’accordo firmato di recente ad Antananarivo stabilisce che lo stato malgascio continuerà a detenere il pacchetto di maggioranza del vettore, con il 51% delle azioni, e avrà diritto a nominare il presidente del consiglio di amministrazione. Da parte sua, Air Austral potrà indicare il nome del direttore generale, oltre a essere responsabile dell’amministrazione e delle operazioni dei voli di Air Madagascar. Secondo l’intesa, che ha per oggetto il rilancio di Air Madagascar e il ritorno del vettore alla redditività entro breve tempo, Air Austral investirà circa 40 milioni di dollari nei prossimi dieci anni per migliorare la parte tecnica e operativa del vettore malgascio. Il piano prevede nei prossimi tre anni un focus sulla riorganizzazione della compagnia, mentre la seconda fase si concentrerebbe sulla crescita, tra cui l’apertura di nuove rotte e lo sviluppo della flotta.

Attualmente Air Madagascar opera voli da Parigi Cdg ad Antananarivo tre volte alla settimana (martedì, venerdì e domenica; ritorno dal Madagascar il mercoledì, sabato e lunedì), tutti serviti con Airbus A340-300 configurato con 224 posti in economy class, 21 posti in Premium Economy e 30 in Business Class. Dal suo hub malgascio, il vettore raggiunge con ottime coincidenze una ventina di destinazioni in tutto il Paese. Dall’Italia, la compagnia assicura comode coincidenze con Parigi da Bologna, Genova, Milano, Torino, Venezia e Roma grazie a una serie di accordi speciali di avvicinamento. Dall’hub di Antananarivo, il vettore serve un network di destinazioni intercontinentali extra-europee (Bangkok e Guangzhou), regionali (Reunion, Mauritius, isole Comore, Sud Africa, Mayotte) e una ventina di mete domestiche. Lo scorso anno la compagnia è stata rimossa dalla lista di sicurezza europea e può ora volare verso tutti e 28 i Paesi dell’Unione senza alcuna restrizione. Per l’ingresso in Madagascar, viene emesso un visto turistico all’arrivo in aeroporto al costo di circa 23 euro, per un soggiorno inferiore a trenta giorni. Il passaporto dovrà avere una validità di almeno 6 mesi, una pagina disponibile e sarà presentato all’arrivo con un biglietto comprensivo anche di ritorno. «Con questa intesa il futuro di Air Madagascar si annuncia più promettente che mai, consentendo di scoprire più facilmente uno dei Paesi più belli (e meno conosciuti) dell’oceano Indiano. Per questo motivo, già adesso, la compagnia offre ai passeggeri europei ed italiani la possibilità di acquistare con uno sconto fino al 50% i voli domestici se abbinati a quelli internazionali via Parigi» ha sottolineato Vittorio Myr, director airlines operation di Global gsa.