Il set di House of Cards riaprirà a breve (forse senza Kevin Spacey)

0
70
Questo post è stato pubblicato da this site

house of cards

Lo scandalo che ha coinvolto l’attore Kevin Spacey, accusato di abusi sessuali spesso anche su minori, non ha solo sconvolto milioni di fan in tutto il mondo ma ha anche messo in crisi un intero set, quello di House of Cards, la serie Netflix di cui era protagonista. Subito dopo che le accuse sono divenute pubbliche, infatti, la produzione della serie era stata sospesa e il futuro dell’intera produzione gettato nell’incertezza, anche in seguito all’annuncio che la sesta stagione sarebbe stata l’ultima.

In queste ore sono giunte delle ulteriori novità: il set, infatti, rimarrà chiuso per altre due settimane ma una lettera inviata dalla produzione al cast artistico e tecnico fa pensare che le riprese riprenderanno poco dopo il prossimo 8 dicembre. “Continuiamo a lavorare con Netflix nella speranza di riprendere la produzione al più presto. Nel frattempo abbiamo determinato una sospensione pagata di altre due settimane“, si legge nella lettera ottenuta da Deadline e scritta dalla responsabile della casa produttrice, la Media Rights Capital. “Assieme agli sceneggiatori anche un piccolo numero di impiegati amministrativi e contabili rimarrà negli uffici di produzione per tutto il periodo“.

La speranza, dunque, è quella di poter ricominciare a girare gli ultimi episodi di House of Cards prima della fine dell’anno. Ciò che rimane incerto è come continuare la storia senza il coinvolgimento di Kevin Spacey, attualmente sotto indagine e alle prese con la riabilitazione dalla dipendenza sessuale. La conclusione della lettera, in ogni caso, fa pensare che si punti a procedere appunto senza il protagonista Frank Underwood: “L’unica cosa che abbiamo imparato in questo periodo è che l’intera produzione è molto più grande di una singola persona“. Ulteriori aggiornamenti, appunto, arriveranno attorno all’8 dicembre.

The post Il set di House of Cards riaprirà a breve (forse senza Kevin Spacey) appeared first on Wired.