6 app per migliorare le “Storie” di Instagram

0
283
Questo post è stato pubblicato da this site
Canva
InShot
Instants
Legend
PicPlayPost
Quik

Prima l’arrivo dei video. Poi le stories. Infine la tv. È già da un po’ che la conquista del mondo da parte di Instagram passa per le immagini in movimento. Del resto, come ha spiegato al New York Times Kevin Systrom, un attimo prima di lasciare la sua creatura a Facebook: “Il video è il modo in cui ci divertiamo con gli amici, il modo in cui passiamo il tempo, ma il modo in cui li guardiamo sta cambiando. Gli adolescenti per esempio meno la TV, ma seguono altri creatori di contenuti online”. Questa nuova filosofia non solo ha radicalmente trasformato Instagram, ma ha fatto sì che il suo ecosistema si arricchisse di app creative, che permettono di creare video e stories accattivanti, senza bisogno di saper armeggiare complicati software di video-editing. Un esempio? Eccone 6…

InShot (Freemium per Android e iOs)
Chi l’ha detto che montare un video è complicato? Quest’app ci offre tutte le funzioni basic per farlo in pochi istanti: possiamo per esempio prendere un filmato, spezzarlo, intervallarlo con delle foto, aggiungere una colonna sonora, sprazzi di testo e persino rallentarlo o velocizzarlo in stile “Tempi moderni” di Chaplin. Unico difetto: l’onnipresenza di un logo, che sparisce solo con la versione a pagamento (10 dollari l’anno o 39 dollari una tantum), che però ci regala anche qualche effetto speciale in più.
Ci piace perché: ci permette, tra le altre cose, di tagliare i video e adattarli al formato “stories”.

Legend (gratis per iOs)
Un’immagine vale più di cento (mille?) parole. Verissimo. Ma a volte le giuste parole possono rendere più accattivante un’immagine, in special modo se sono… Animate. Legend ci mette a disposizione 18 diversi tipi di animazioni testuali da applicare alle foto per arricchirle con un messaggio (o, semplicemente, un nome). Basta scegliere la foto dal nostro archivio e cosa scrivere per vedere subito, in anteprima, l’effetto che fa.
Ci piace perché: ci permette di dare parole alle idee.

Instants (Freemium per iOs)
Permette di mixare facilmente immagini e filmati, per creare in pochi clic dei minivideo. Le foto prendono vita grazie ad alcuni effetti speciali (temi) ed è possibile inserirci del testo, anche colorato. Nella versione premium (sui 30 dollari l’anno), Instants ci lascia anche scegliere i font, applicare qualche filtro e un logo e, last but not least, modificare la velocità di scorrimento delle immagini.
Ci piace perché: è molto facile usarla. E i risultati sono sorprendenti.

PicPlayPost (Freemium per Android e iOs)
Un’app per il montaggio video davvero completa e immediata: possiamo aggiungere anche voce fuori campo ai video, dissolvenze creative tra i diversi frame e scegliere quando far partire la musica. Nella versione Pro (da 7 euro al mese, 49 all’anno, 110 per sempre) si possono anche aggiungere testi animati e dividere lo schermo in riquadri. Roba da professionisti, insomma.
Ci piace perché: anche la versione free permette di realizzare dei bei video.

Quik (gratis per Android e iOs)
Una delle app del mondo GoPro: noi ci mettiamo foto e video, lei, in automatico, provvede a tutto il resto, montaggio incluso lasciandoci scegliere tra 22 stili diversi, ma sempre molto dinamici (per non dire adrenalinici). C’è anche la possibilità di arricchire il tutto con una colonna sonora e possiamo anche prendere le note dalla nostra playlist, ma in quel caso – se il video diventa pubblico – c’è da fare i conti coi diritti d’utilizzo.
Ci piace perché: permette anche di ruotare le immagini, scegliere in quale punto mettere a fuoco e semplifica l’esportazione sui social media.

Canva (Freemium per Android e iOs)
Come nella versione web based, si fa notare per il ricco catalogo di forme, immagini, template e font che ci permettono di migliorare il design delle Instagram stories. Non solo: Canva ha “presets” anche per post di instagram, post e cover di Facebook, infografiche, inviti, biglietti da visita… Una volta scelto il modello che ci piace di più, modificare testo e immagine è un attimo. Unica controindicazione: la scelta è molto ampia e, specie all’inizio, potrebbe solleticare la nostra indecisione.
Ci piace perché: offre un bel po’ di spunti (grafici), alleggerendo i nostri testi.

The post 6 app per migliorare le “Storie” di Instagram appeared first on Wired.