4 italiani su 10 sono pronti a mangiare insetti

0
12
Questo post è stato pubblicato da this site
4 italiani su 10 sarebbero pronti a mangiare insetti (Foto: Getty)
4 italiani su 10 sarebbero pronti a mangiare insetti (Foto: Getty)
4 italiani su 10 sarebbero pronti a mangiare insetti (Foto: Getty)
4 italiani su 10 sarebbero pronti a mangiare insetti (Foto: Getty)
4 italiani su 10 sarebbero pronti a mangiare insetti (Foto: Getty)
4 italiani su 10 sarebbero pronti a mangiare insetti (Foto: Getty)

Potrà mai la patria di lasagne, pizza, pasta al pesto e tiramisù accettare socialmente gli insetti come parte integrante della propria dieta? La questione, nonostante se ne parli ormai da lungo tempo, sembra ancora incredibilmente prematura. Eppure, al di là dei facili “Mai e poi mai” e dei “Che se li mangino in Thailandia” degli illuminati da tastiera, qualche piccolo cambiamento sembra essere in fase di sviluppo, almeno sul fronte delle intenzioni. Una recente indagine che Doxa ha svolto per l’azienda specializzata in disinfestazioni Rentokil, mediante un’intervista online a 1.005 persone su un campione nazionale rappresentativo della popolazione italiana adulta di 18-70 anni, ha infatti rivelato che 4 italiani su 10 sarebbero di fatto pronti a considerare gli insetti come un possibile cibo del futuro.

Non solo. Supponendo di trovare un ristorante con in carta specialità a base di insetti, il 19% degli intervistati si è dichiarato pronto a ordinarle, con un ulteriore 21% che se non esattamente convinto si è dichiarato quantomeno curioso. Come è facile immaginare, sono i giovani tra i 18 e i 34 anni a dimostrare una maggiora apertura al riguardo (49%), mentre il 63% degli over 55 non crede nella possibilità di un domani con larve & co a tavola.

L’osservatorio ha inoltre indagato anche sull’atteggiamento e le opinioni degli italiani per quanto riguarda l’igiene e gli effetti per la salute derivanti da questa particolare alimentazione: a sorpresa, 7 italiani su 10 sono convinti che cibi a base di insetti possano avere effetti benefici e fornire nutrienti utili al nostro organismo. Una posizione generale che sembra in qualche modo sposare quella della Fao, che già dal 2013, in seguito a uno studio sull’argomento, aveva indicato gli insetti non solo come alimento sostenibile nella sua produzione, ma anche più salubre rispetto a molte alternative più comuni, grazie all’ottimo apporto di proteine, grassi buoni, calcio, ferro e zinco.

Certo, il 73% degli italiani è comunque convinto che un’eventuale produzione per scopi alimentari richiederebbe maggiori attenzioni in termini di sicurezza e pratiche igieniche, e il 55% si è detto particolarmente preoccupato dal punto di vista sanitario per le pratiche utilizzate nella lavorazione. In attesa di ulteriori sviluppi sul fronte sociale, il Parlamento Europeo ha aggiornato – già dallo scorso gennaio – le direttive per la vendita di nuovi prodotti alimentare a base di insetti. Nel frattempo queste novità iniziano lentamente a fare capolino sui menu dei nostri ristoranti più audaci: la catena di tapas all’italiana Gesto, per esempio, ha proposto negli scorsi mesi ai propri clienti uno speciale wrap realizzato con farina di grilli. Un inizio, dunque, in attesa di veder comparire nei supermercati prodotti come il panettone sperimentato da Italbugs, che annovera tra gli ingredienti anche una farina proteica di baco da seta.

The post 4 italiani su 10 sono pronti a mangiare insetti appeared first on Wired.