American Gods, 5 punti per prepararsi alla seconda stagione

0
168
Questo post è stato pubblicato da this site
Shadow Moon e Mr Wednesday
Laura e Mad Sweeney
I nuovi dei
I vecchi dei
Verso la guerra

Torna dopo una lunga attesa la serie American Gods con una seconda stagione che sarà diffusa su Amazon Prime Video dal prossimo 11 marzo. L’adattamento seriale dal romanzo di Neil Gaiman aveva fatto il suo debutto nel 2017 ma una serie di contrattempi, soprattutto dopo l’uscita dalla produzione degli showrunner originari Bryan Fuller e Michael Green (poi in qualche modo rientrati) e di importanti protagonisti del cast come Gillian Anderson. La serie, ipnotica e surrealista, segue una serie di personaggi mentre sono alle prese con un conflitto che vede opposte le divinità delle vecchie mitologie contro i nuovi idoli delle modernità. Ecco alcune informazioni per ricapitolare gli eventi raccontati, in modo spesso complesso, nella prima stagione.

1. Shadow Moon e Mr Wednesday

ezgif-4-5d370b79799c

Shadow Moon (Ricky Whittle) è un truffatore e ladro di poco conto che sta scontando sei anni di reclusione per aver tentato di rapinare a mano armata un casinò: viene però rilasciato tre giorni prima della fine della sua pena quando la moglie Laura (Emily Browning) rimane uccisa in un incidente stradale. Tentando di tornare a casa per il funerale, Shadow viene dirottato su un aereo diverso dal suo per alcuni ritardi, e su quel volo incontra il misterioso Mr Wednesday (Ian McShane), che dimostra di conoscerlo come uno sconosciuto non potrebbe mai fare e gli offre un lavoro.

Shadow inizialmente rifiuta ma quando anche quel volo è costretto ad atterrare per il maltempo si rende conto di non aver nulla rimasto per cui lottare. Incontra di nuovo Wednesday in un bar e i due fanno una scommessa: se Shadow perderà a testa o croce (ma l’uomo sa di avere una moneta a due croci) dovrà fare da autista e tuttofare per l’altro. Lancia dunque la moneta che cade mostrando una testa: incredulo, Shadow è costretto a suggellare l’accordo con tre brindisi consecutivi, non prima di avere fatto a pugni con un altro scagnozzo di Wednesday, Mad Sweeney (Pablo Schreiber), e avergli sottratto la sua moneta fortunata.

2. Laura Moon e Mad Sweeney

ezgif-4-183fd95d00fd

Tornato a casa per il funerale della moglie, la loro migliore amica Audrey informa Shadow che Laura lo tradiva col proprio marito, anche lui morto nell’incidente stradale. L’uomo fa dunque visita alla tomba della moglie e getta sulla terra appena riposizionata la moneta di Sweeney: quello che non sa è che quest’ultimo è un lepricauno. La moneta portafortuna sprofonda fino al petto di Laura, riportandola in vita. Da alcuni flashback capiamo che Laura è sempre stata un’aneffettiva e, sebbene abbia in passato salvato Shadow consigliandogli di non rapinare il casinò in cui lei lavorava come croupier, è per la sua insoddisfazione continua che lo convince a tentare nuovamente quel colpo.

Intenzionato a riprendersi la fortuna che gli è stata sottratta, Mad Sweeney insegue Laura dovunque vada. Nonostante l’aspetto cadaverico e il suo corpo in decomposizione, lei vuole ricongiungersi con Shadow, la cui posizione riesce a rilevare anche a migliaia di chilometri di distanza: trovatolo in un motel, lo bacia e il suo cuore batte di nuovo per la prima volta, ma l’uomo le sfugge. Sweeney continua a seguire la donna ma quando i due (assieme al tassista Salim) vengono coinvolti in un incidente stradale su un furgoncino dei gelati e Laura muore di nuovo perché la moneta le esce dal corpo, lui gliela restituisce. Si sente infatti in colpa: è stato il lepricauno, infatti, a causare l’incidente di Laura e prima ancora a incastrare Shadow mandandolo in prigione, tutto su ordine di Wednesday che voleva che l’uomo fosse ridotto a non aver più nulla da perdere.

3. I nuovi dei

ezgif-4-88816c31be7f

Intanto Shadow e Wednesday si mettono in viaggio ma devono affrontare le minacce poste della nuove divinità che vogliono scalzare definitivamente le vecchie. Di ritorno dal funerale di Laura, Shadow subisce un’imboscata da parte di Technical Boy (Bruce Langley), che lo fa linciare letteralmente dai suoi scagnozzi senza volto. Salvato da un intervento misterioso (che si scoprirà poi essere di Laura, appena rediviva), l’uomo viene adulato anche da Media (Gillian Anderson) che cerca di convincerlo ad unirsi ai nuovi idoli assumendo diverse forme,  fra cui quelle di Lucy Ricardo, David Bowie e Marylin Monroe.

Ricongiunti, Shadow e Wednesday si recano a Chicago dove tentano una rapina a una banca ma vengono arrestati a causa di una soffiata del loro nemico più potente, Mr World, l’incarnazione di tutte le connessioni del pianeta. Quest’ultimo assieme a Tech Boy e Media si reca nella stazione di polizia cercando di proporre ai vecchi dei di fare un’operazione di rebranding per rendersi appetibili al pubblico contemporaneo. Quando Wednesday rifiuta e fugge col suo alleato, le nuove divinità compiono una strage di tutti i poliziotti. Shadow, che proprio a Chicago è riuscito a far nevicare con la forza del pensiero, inizia a rendersi conto nonostante il proprio scetticismo di essere circondato da forze soprannaturali.

4. I vecchi dei

ezgif-4-0dcde9144908

La missione che Wednesday vuole compiere assieme a Shadow, infatti, è quella di reclutare le antiche divinità ormai in decadenza per porre resistenza ai nuovi idoli. In alcune scene intermezzate nei vari episodi, ad esempio, si erano visti la potentissima dea Bilquis (Yetide Badaki), incarnazione mediorientale dell’amore passionale che assorbe i proprio amanti che non riescono a resistere al suo fascino nella propria vagina; Mr Jacquel, un impresario di pompe funebri che in realtà è la nuova versione del dio della morte egiziano Anubi e che imbalsama il corpo di Laura risorta; Mr Nancy, un sarto abilissimo che può assumere la forma di un ragno ed è in realtà una divinità ghanese, Anansi, arrivata in America ai tempi della tratta degli schiavi.

A Chicago, poi, Wednesday era giunto in realtà per chiedere l’aiuto di altri numi il cui ricordo è scomparso. in una vecchia casa infatti incontra tre strane sorelle, soprattutto Zorya Vechernyaya (Cloris Leachman), anziana incarnazione della stella della sera, e l’orribile macellaio Czernobog (Peter Stormare), dio slavo della morte; quest’ultimo perde una partita a dama con Shadow ed è quindi costretto ad aiutare Wednesday, promettendo però di uccidere il suo aiutante una volta conclusa la missione. In un’altra scena vediamo il commerciante mussulmano Salim (Omid Abtahi) cedere alla tentazione di una notte di passione con l’aitante tassista Jinn (Mousa Kraish), che altri non è che un semidio preislamico dagli occhi infuocati: i due si scambiano di ruolo ma Salim, ora divenuto il tassista, cercherà in tutti i modi di ricongiungersi con l’amato.

5. Verso la guerra

ezgif-4-63d7c693bed7

Wednesday ha bisogno di altro appoggio ancora, ma soprattutto di armi, dunque si reca presso la fucina di Vulcano (Corbin Bernsen), dove si fa forgiare una potentissima spada. Ma ormai lo stesso Vulcano ha ceduto alle sirene della modernità, riciclandosi come produttore di armi da fuoco e dunque ottenendo un culto spropositato in un’America ossessionata dal culto delle armi. Wednesday fiuta dunque il doppio gioco e decapita Vulcano, scatenando così l’ira di Mr World che si decide a dover passare alle maniere forti. I due protagonisti tentano quindi di giocare un’arma potente: si recano alla festa pasquale di Ostara (Kristin Chenoweth), incarnazione della primavera e della rinascita.

Al party sono presenti i vari sosia di Gesù e Wednesday cerca appunto di convincere la dea a riprendersi il suo culto usurpato dalla cristianità scatenando una carestia in tutto il mondo, lei che gestisce i cicli della fertilità naturale, e richiamando a sé i fedeli. Lei però rifiuta, soprattutto quando Wednesday scatena una tempesta di fulmini per distruggere gli scagnozzi di Mr World e gli altri nuovi dei venuti all’attacco, uccidendo però anche tutti i conigli così cari a Ostara (si vanifica così anche il tentativo di Mad Sweeney e Laura, giunti anche loro alla festa, di riportare in vita la donna grazie ai poteri della dea). Di fronte a quella manifestazione Shadow, che fino a quel momento non aveva creduto in nulla, finalmente accetta la situazione: il suo datore di lavoro non è altro che il dio norreno Odino e una guerra fra vecchie e nuove divinità è sempre più imminente.

The post American Gods, 5 punti per prepararsi alla seconda stagione appeared first on Wired.