Vampiri in bagnacauda: l’horror sbarca a Torino

0
19
Questo post è stato pubblicato da this site

Per favore, non mordermi sul collo…
O se proprio lo devi fare, per lo meno fallo con cortesia, alla sabauda. Infatti sarà proprio Torino, sabato 16 marzo, a ospitare l’Horror Day dedicato ai Vampiri, a Carletto Principe dei mostri, a Devilman e a Profondo rosso.
Al Museo del Fantastico e della Fantascienza (può forse esistere un museo più bello?) andrà in scena una giornata intera dedicata al meglio del cinema e della letteratura da brivido: si parlerà di vampiri letterari, di fantasy, di comicità nel genere e di colonne sonore spaventose.
Al Mufant, come lo chiamano gli amici, arriverà presto una nuova escape room tutta da provare, ispirata ad un cimitero gotico inglese e realizzata grazie alla collaborazione dello scenografo torinese Michele Guaschino,  e nel weekend si celebra l’horror con un evento fra letteratura, musica metal, anime, performance teatrale e gioco.

53028737_1879740355486601_7929861061350522880_n

Ultimamente sembra che una ventata di vampirismo pervada gli autori italiani: è appena uscito Dracula ed Io di Gianluca Morozzi, vampiri in salsa bolognese, mentre è saldamente in cima alle classifiche di genere Né a Dio né al Diavolo sempre succhiasangue ma di provincia, di Aislinn.
Sarà proprio con Aislinn, durante l’Horror  Day, che si celebrerà un Vampire party, per raccontare le difficili non vite e gli insoliti destini di vampiri del Ventunesimo secolo, il tutto insieme a Matteo Bertone, Stefano Tevini e a Luca Tarenzi.
A seguire, Che paura mi fa!?!, conferenza a cura dell’Associazione Culturale Eva Impact. Dororo, Carletto il principe del mostri, Bem il mostro umano, Devilman, quattro opere horror a confronto, in un excursus dal folklore giapponese all’horror comico, dal rovesciamento degli stereotipi all’horror apocalittico.

L’evento prosegue con Aliénor, uno spettacolo interattivo con attori, che prevede la partecipazione del pubblico: la tranquilla presentazione di un romanzo di fantascienza viene drammaticamente interrotta da un attacco zombie. Gli spettatori dovranno sopravvivere grazie alla propria abilità e al maestro d’armi Stefano Cestari, che insegnerà ai presenti a imbracciare le armi contro l’orda di non morti.
A questo punto vi sarà venuta fame, ergo è il momento della merenda. Ma non sarà una merenda convenzionale, bensì una torta da urlo. Infatti si potrà degustare una torta di pasticceria che urla ad ogni taglio, ideata dall’autrice Silvia Robutti e poi si potranno debellare definitivamente quei fastidiosi redivivi partecipando al gioco di “tiro al bersaglio con zombie” . Per chi farà più centri, vincerà dei libri di… fantascienza.

Per tutta la durata della manifestazione si potrà visitare la Profondo Rosso Exhibition. In occasione del 44° anniversario del film Profondo rosso, girato proprio a Torino, verrà inaugurata la teca espositiva dedicata alla colonna sonora più terrificante del cinema. Saranno esposti inoltre memorabilia, documenti originali e la riproduzione del pupazzo meccanico di Profondo rosso “Pasqualino” realizzato dall’artista torinese Cristina Accettulli, a cura di Roberto Attanasio di Terra di Goblin.
Avrete quindi il coraggio di addentrarvi nel museo? Consiglio: per schivare i mostri portatevi dietro dell’aglio, o ancora meglio dei peperoni con una bella salsa di bagnacauda, più consoni alla città e dal sicuro effetto repulsivo per le zanne di chiunque, vivo o morto…

The post Vampiri in bagnacauda: l’horror sbarca a Torino appeared first on Wired.