Ci sono più di 500 migranti bloccati in mare

0
67
Questo post è stato pubblicato da this site
Alcuni migranti a bordo della Ocean Viking (foto: ANNE CHAON/AFP/Getty Images)

Nel pomeriggio di lunedì 12 agosto la nave Ocean Viking di Medici senza frontiere e Sos Mediterranee ha soccorso 105 migranti che rischiavano di affondare nel Mediterraneo. A bordo dell’imbarcazione c’erano già 251 persone che la nave aveva salvato in due diverse operazioni nei giorni scorsi, ed era in attesa di sbarcare in un porto sicuro. Gli ultimi arrivati sono in prevalenza sudanesi, e tra di loro ci sono anche due bambini e altri 29 minorenni.

La Ocean Viking è equipaggiata per accogliere circa 250 persone ma, secondo le organizzazioni, può trasportarne anche di più. Al momento ce ne sono 356, escluso l’equipaggio.

Altri 151 si trovano invece sulla nave Open Arms della ong spagnola ProActiva OpenArms, che pure vaga da giorni nel Mediterraneo in attesa di ricevere un porto sicuro. La situazione a bordo è complicata: molti migranti sono frustrati e debilitati, una persona avrebbe anche un tumore al cervello e un’altra donna la polmonite. Nessun paese ha ancora dato il benestare per lo sbarco.

I salvataggi in mare

La Ocean Viking, che batte bandiera norvegese, ha salvato 85 migranti l’8 agosto, altri 80 il giorno dopo e gli ultimi 105 nel pomeriggio di lunedì 12.

In quegli stessi giorni, in mare c’era anche la Open Arms che ha tratto in salvo 283 persone in tre diverse operazioni di soccorso il 1°, il 2 e la notte tra il 9 e il 10 agosto. Solo 11 di queste sono sbarcate, da allora. Si tratta di due donne all’ottavo mese di gravidanza, della sorella di una di loro, di altre due donne che avevano urgente bisogno di cure mediche, di un 21enne affetto da tubercolosi e dei loro accompagnatori.

Nei giorni scorsi, Malta si era offerta di accogliere gli ultimi 39 migranti soccorsi dalla Open Arms, ma l’equipaggio aveva rifiutato dicendo che gli altri – quelli che non sarebbero stati fatti sbarcare – avrebbero probabilmente reagito male, dato che erano da più tempo a bordo e credevano, semmai, di avere la precedenza.

Gli appelli di Hollywood e del Parlamento europeo

Nei giorni scorsi, l’attore americano Richard Gere è salito a bordo della Open Arms per lanciare un appello all’Italia affinché si mobiliti. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini gli ha risposto ribadendo il no allo sbarco e rilanciando uno dei suoi triti mantra (“li accolga in una delle sue ville”).

Nelle ultime ore, anche gli attori spagnoli Antonio Banderas e Javier Bardem sono intervenuti sulla vicenda. “Open Arms” – ha detto Bardem in un video – “sta facendo un lavoro straordinario e necessario per la dignità umana e per salvare la vita di persone che scappano da situazioni che noi non possiamo neanche immaginare, con l’unico obiettivo di dare un futuro ai propri figli e alle proprie famiglie”.

Cosa succederà ora

I migranti non possono essere sbarcati in Italia perché il ministro dell’Interno Matteo Salvini, quello dei Trasporti Danilo Toninelli e quello della Difesa Elisabetta Trenta hanno firmato un provvedimento che impedisce alle navi l’ingresso, la sosta e il transito nelle acque italiane. Non possono nemmeno andare altrove, perché nessun paese si è offerto di accoglierli, nonostante il presidente del Parlamento europeo David Sassoli abbia invitato più volte la Commissione e le varie cancellerie a trovare una soluzione.

L’equipaggio della Open Arms ha chiesto alla Spagna di accogliere almeno i minorenni a bordo, ma per ora non ha ricevuto risposta. Gli unici che si sono fatti avanti sono la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (Fcei) e Eugenio Bernardini della Tavola valdese, l’organo che rappresenta le chiese metodiste e valdesi nei rapporti con lo stato.

Intanto, la procura di Agrigento ha aperto un’inchiesta a carico di ignoti per favoreggiamento di immigrazione clandestina – una procedura che è la prassi in questi casi visto lo schema legislativo, e che comunque non ha mai portato a nessuna ipotesi di reato conclamata – e nei prossimi giorni ascolterà tre dei migranti che sono sbarcati dalla Open Arms.

The post Ci sono più di 500 migranti bloccati in mare appeared first on Wired.