Le app per controllare il ciclo mestruale condividono dati con Facebook

0
32
Questo post è stato pubblicato da this site
MIS Fem period Tracker, una delle applicazioni che condividono i dati personali delle utenti con Facebook (immagine: App store. Rielaborazione grafica: Gabriele Porro)

Una recente ricerca ha rivelato che alcune applicazioni per monitorare il ciclo mestruale inviano a Facebook informazioni personali sulla salute e le abitudini sessuali delle donne che ne fanno uso. La violazione della privacy è stata scoperta da Privacy International che l’ha immediatamente condivisa con BuzzFeed News. L’indagine ha portato alla luce come alcune app per monitorare il ciclo mestruale, come Mia Fem e Maya, avrebbero condiviso i dati riguardanti l’uso di contraccettivi, i tempi del ciclo mestruale, i sintomi registrati come crampi e gonfiore, direttamente con Facebook.

Queste app sono tra le più scaricate poiché permettono, oltre a tenere sotto controllo la data di inizio e fine del ciclo, di monitorare il periodo di ovulazione permettendo così di aumentare le possibilità di concepimento. I dati sarebbero stati condivisi con Facebook tramite il Software Development Kit (Sdk) del social network che permette agli sviluppatori di raccogliere i dati degli utenti al fine di utilizzarli per mostrare loro degli annunci pubblicitari mirati e personalizzati.

Delle 36 app che abbiamo testato, abbiamo riscontrato che il 61% trasferisce automaticamente i dati su Facebook nel momento in cui un utente apre l’app”, scrive Privacy International sul report. “Ciò accade se l’utente ha un account Facebook o meno e se è connesso a Facebook o meno”.

Delle applicazioni testate da Privacy International, le applicazioni che non condividono dati con Facebook sono: Period Tracker di Leap Fitness Group ; Period Tracker Flo di Flo Health, Inc.; Tracker Period da Simple Design Ltd.; Clue Period Tracker di Biowink; Period Tracker di Gp International Llc.

 

The post Le app per controllare il ciclo mestruale condividono dati con Facebook appeared first on Wired.