Viva RaiPlay sarà il più grande test mai effettuato sullo streaming in Italia

0
128
Questo post è stato pubblicato da this site

Quando dal 13 novembre RaiPlay distribuirà in esclusiva Viva RaiPlay, il nuovo spettacolo di Fiorello, il servizio pubblico starà tentando qualcosa di mai fatto prima in Italia. Così inedito e tecnologicamente rischioso che non esistono paragoni e non è possibile sapere in anticipo come andrà. In quanti guarderanno Fiorello in diretta su RaiPlay? Impossibile dirlo. E in quanti lo faranno da Roma e quanti da una qualsiasi città di provincia mal servita dalla rete? Impossibile saperlo. Anche gli Internet Service Provider con cui Rai ha parlato non hanno idea di quanto possa reggere una trasmissione live streaming di successo su base nazionale. Semplicemente nessuno lo ha mai fatto prima. Viva RaiPlay serve anche a questo: è il più grande test nazionale di fruizione in streaming simultanea, un punto che farà sì che la Rai abbia la cognizione più chiara possibile di che peso svolga la trasmissione in streaming in Italia non geolocalizzabile.

Perché dei picchi di fruizione dello streaming si hanno già con le partite di calcio (il momento in cui molti guardano qualcosa tutti insieme), ma in questo caso non è difficile prevedere da quali città o aree una certa partita sarà vista. Dunque localizzando la fruizione in funzione dei tidosi è possibile ottimizzare la rete. Un programma di Fiorello, invece, è visto ovunque e, nonostante RaiPlay lo terrà on demand, è facile prevedere che sarà guardato più che altro in diretta. Per esserne certi, la Rai manderà in onda a partire dal 4 novembre (e fino all’8 novembre) una serie di pillole sia su RaiPlay che su Rai Uno, per lanciarlo a dovere. Poi la piattaforma sarà da sola. Il lavoro compiuto non ha davvero niente a che vedere con gli standard tecnologici che siamo soliti attribuire alla Rai.

Chi ha seguito da vicino il passaggio alla rete di Rai già sa che Rai.tv e Rai Click non erano affatto progetti scassati e vetusti, anzi. Lo stesso RaiPlay nella sua forma attuale è una piattaforma buona che cerca di diventare ottima con un restyling così profondo che ha portato Stefano Ciccotti (il Cto di Rai) a dire che hanno ricominciato “da zero. Completamente. Non c’è niente della piattaforma precedente in quella nuova e questo è stato un vantaggio: abbiamo preso il meglio dell’esperienza precedente senza ereditarne i problemi”.

La nuova interfaccia di RaiPlay

Quando la nuova interfaccia farà il suo debutto, non avrà solo una veste nuova, sarà coerente su tutti i device possibili (Mac, pc, smart tv, tablet e smartphone android e iOs, ma anche Amazon Fire Stick e Apple tv), oltre che capace di sostenere il consumo lineare e quello on demand. “Non mi dite che sembra Netflix”, ha affermato Ciccotti introducendo l’interfaccia.  E lo ha detto per una ragione: è uguale a Netflix. Per essere precisi è un misto dell’80% dell’interfaccia di Netflix con il meglio delle caratteristiche degli altri competitor come Amazon Prime o Sky. Tra le altre salto della sigla, interruzione e ripresa nel punto in cui si era arrivati, intelligenza artificiale che consiglia i programmi in base a quelli già visti, possibilità di scaricare i programmi per la visione offline… “Ci siamo aggiornati agli standard di mercato”, è la frase in stile Rai con cui Elena Capparelli, direttore di RaiPlay, spiega il tutto.

La verità è che la Rai ha una missione, quella del servizio pubblico e universale, e un pubblico di un’ampiezza potenziale tale da far sentire male Netflix. Attualmente RaiPlay ha 12,4 milioni di utenti registrati, dei quali 3 milioni attivi ogni mese ed in costante crescita (+74% nell’ultimo anno). Ovviamente è fruita più che altro da smartphone (33% del totale) e da tablet (36% del totale), ma la piccola percentuale che viene dalle smart tv (il 10%) è aumentata del 93% nell’ultimo anno. E ancora dovrà aumentare vertiginosamente. Finora di fatto c’erano poche ragioni per guardare RaiPlay sul televisore, perché non ci sono esclusive e ha più senso fruirlo in mobilità. Ma Viva RaiPlay annuncia una nuova era di contenuti dedicati. E la tenuta di una rete che trasmette a 1080p (ma che è pronta per i 4K, quando i contenuti saranno abbastanza), nessuno mai l’ha testata sui picchi.

Un tipico utente Rai

Non c’è da aspettarsi però che la Rai si metta a far concorrenza a Netflix, perché resta pur sempre servizio pubblico. Significa che deve fornire tutte le fasce, deve funzionare come un’azienda culturale nazionale, intercettando anche i target ancora da alfabetizzare e non solo la punta dell’iceberg. Ci sarà di tutto su RaiPlay, da materiale preso alle teche ai programmi della settimana precedente fino alle serie e ai film. Tutto graficamente rivisto, tutto on demand con registrazione necessaria (anche multiutente), ma senza pagare niente. E ci sarà anche la pubblicità, secondo le regole Rai (cioè per esempio non ci sarà nei molti contenuti per bambini, da lanciarsi entro Natale). “RaiPlay sarà il player over the top con la proposta di advertising meno invasiva del mercato“, afferma Capparelli

Ancora di più la Rai non ha voluto solo migliorare e aggiornare la piattaforma, ma sta cercando di conquistare tutto il terreno che ha perso. Amazon e Netflix da noi si sono mossi meglio di tutti, anche se sono arrivati dopo: sono in tutte le smart tv e per certi modelli hanno anche un pulsante del telecomando dedicato: “Stiamo facendo in modo che tutti i fornitori di device abbiano RaiPlay già installato”, spiega sempre Ciccotti. “L’utente deve poter entrare facilmente. Certo ci vorrà tempo, perché le case produttrici aggiornano il software stagionalmente e il materiale stoccato non si cambia”. La difficoltà in più anche in questo caso è sempre quella di essere la Rai e dover servire tutti: “Sia chiaro che il nostro non è un approccio commerciale, quello sarebbe nettamente più facile. Noi dobbiamo stare ovunque e servire tutti. Non siamo technology driven, abbiamo proprio un’altra missione”.

Quello che non farà dormire Ciccotti fino al 13 novembre, però, è un’altra cosa ancora: la qualità del servizio. Il problema è che Rai assicura un ottimo servizio fino a che il segnale non esce dai loro server, dopo c’è l’Internet Service Provider, poi c’è la qualità della singola connessione nelle case di tutti (senza contare il numero di dispositivi collegati contemporaneamente al medesimo hotspot). “La nostra app è sempre smart su tutti i device e, come le altre, valuta la qualità della connessione in ogni momento per adattare la qualità così da garantire la visione e non interromperla. Però il problema è che quando la rotella d’attesa girerà, magari non per colpa nostra, lo spettatore darà comunque la colpa a noi”. Questo è il punto di tutto, il fatto che la Rai controlla solo parte del viaggio dei pacchetti dati, il resto fa capo all’infrastruttura anche se, com’è giusto che sia, sta facendo di tutto per spostare un po’ più in là il limite di quel che può controllare. E solo la Rai ha questa capacità di essere contemporaneamente indietro di decenni per certi versi e poi di colpo diventare pura avanguardia tecnologica per altri.

Il traffico in entrata e uscita è stato quadruplicato, sono stati stretti accordi con le principali content delivery network del paese e sono stati attivati anche link diretti (una decina su tutto il paese almeno), cosa che le altre piattaforme non possono vantare. Per il futuro poi, Rai vorrebbe anche funzionare essa stessa come un content delivery network: non diventarne uno (giammai), né fare concorrenza fornendo servizi ad altri, ma almeno avere una propria infrastruttura su cui appoggiarsi per qualsiasi problema o emergenza. “Anche perché la banda si paga”, ricorda Ciccotti, “e un’azienda come la Rai con tutto quello trasmette e il suo pubblico potenziale nei prossimi anni potrebbe finire a spendere davvero troppo. Ci conviene avere qualcosa di nostro. Parliamo di un investimento di una decina di milioni di euro, che comunque è una frazione di quanto ci costa la legacy del digitale terrestre. Andare nel mondo nuovo costa molto meno che tenere un piede in quello vecchio ma, di nuovo, la Rai deve essere per tutti, e non lasciare indietro nessuno”.

Di fatto tutto lo si scoprirà il 13 novembre, quando Viva RaiPlay non sarà più in contemporanea su RaiUno, ma solo su RaiPlay, e Fiorello avrà fatto in modo di tirare dentro quanti più spettatori Rai è possibile, soprattutto tra quel 97% di italiani over 70 che non usa piattaforme di streaming. Eccitantissimo per noi che guardiamo, meno per Ciccotti che tradisce sia la giusta fierezza per un progetto di avanguardia tecnologica, sia una certa preoccupazione per l’esito: “Effettivamente speriamo che non tutti si colleghino proprio subito e insieme, perché l’infrastruttura internet del paese non è pronta ad assorbire qualcosa di simile. E speriamo che l’app sia smart a sufficienza da gestire tutti i flussi… Se non altro quando andrà in onda Fiorello per la prima volta avremo delle metriche certe su cosa significhi fare live streaming a livello nazionale in Italia”. C’è il rischio della brutta figura? “Credo ci sia, ma sappiamo tutti che è un rischio calcolato. In ogni caso è una cosa che va fatta, rendiamoci conto che una cosa del genere non è mai stata tentata da nessuno”. Dove starà quella sera? “Io starò qui, sicuramente preoccupato. Preoccupato della capacità di Fiorello di avere un seguito tale da creare un’invasione di contatti tutti insieme. E se da Milazzo si collegano in 3mila tutti insieme dalla cella del centro del paese? Quella non reggerà mai lo sappiamo no?!”.

The post Viva RaiPlay sarà il più grande test mai effettuato sullo streaming in Italia appeared first on Wired.