Lo stop al roaming all’estero ha moltiplicato per 10 il traffico dati in Europa

0
20
Questo post è stato pubblicato da this site

Roaming

L’abolizione dei costi di roaming all’estero fa bene al mercato delle telecomunicazioni in Europa. Ormai per tutti noi è diventata una cosa scontata la possibilità chiamare o navigare da smartphone in tutta Europa senza alcun costo aggiuntivo rispetto a quelli previsti dagli abbonamenti nazionali, e un recente studio della Commissione Europea ha sottolineato il forte incremento dell’uso dei cellulari da parte dei cittadini dell’Unione dopo l’abolizione delle tariffe maggiorate a partire dal 2017.

Secondo lo studio, negli ultimi anni l’uso del traffico dati da parte dei viaggiatori europei è decuplicato rispetto a quello dell’anno precedente all’entrata in vigore della normativa. Soprattutto nel caso di vacanze all’estero, inoltre, si sono registrati dei picchi di utilizzo fino a 12 punti in più rispetto al passato, come nel caso delle vacanze estive 2018 che hanno fatto anche registrare un aumento di tre volte delle chiamate dall’estero o tra Paesi diversi.

Dopo una prima indagine condotta l’anno scorso sull’andamento della nuova politica della cosiddetta roam-like-at-home, la progressiva crescita del mercato del roaming è confermata anche dalla ricerca di quest’anno. “I cittadini europei stanno beneficiando enormemente dell’opportunità di usare i loro dispositivi mobili liberamente quando viaggiano. Nello stesso tempo, possiamo anche vedere chiaramente che il mercato del roaming europeo continua a funzionare perfettamente. Contrariamente ai timori di un aumento dei prezzi interni dopo l’abolizione dei costi di roaming, i prezzi dei servizi mobili sono complessivamente scesi in tutta Europa”, ha commentato Mariya Gabriel, commissaria per l’Economia digitale e la società.

Nel report si mostra poi che negli ultimi periodi analizzati anche il traffico dati è fortemente aumentato rispetto al 2017 e, se si esclude anche in quel caso il picco registrato nell’estate 2018, sembra attestarsi sui 120-127 milioni di giga, mentre nel 2016 il volume oscillava tra i 7 e i 13 milioni di giga.

Anche per questo la Commissione, che resterà in carica fino al 2022, ha deciso di non rimettere mano alla normativa relativa al roaming, perché ritiene che la scelta dell’introduzione del roam-like-at-home abbia giovato profondamente ai consumatori così come alla competizione tra le compagnie stesse.

The post Lo stop al roaming all’estero ha moltiplicato per 10 il traffico dati in Europa appeared first on Wired.