venerdì, Dicembre 8, 2023

Guida ragionata agli spot del Natale 2016

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

frankenstein-apple-fairy-lights

Gli spot di Natale sono una categoria pubblicitaria a parte, in realtà non così frequentati in Italia, dove si preferisce puntare tutto sulla promozione del prodotto da consumare/regalare. Negli Stati Uniti, ma soprattutto nel Regno Unito, i Xmas Advert sono delle importanti occasioni non solo per augurare un buon Natale ai propri clienti, ma anche per comunicare i valori etici e morali collegati all’azienda.

Ovviamente la presenza di buoni sentimenti zuccherosi è altissima ed è sconsigliabile la visione prolungata da parte di soggetti diabetici, tuttavia qua e là si trovano alcuni spunti creativi interessanti e anche certi mutamenti della società.

Forse il più interessante, per chi scrive, è quello prodotto da Amazon, che riesce in un commercial di 30” a parlare del servizio Prime e, al tempo stesso, raccontare una storia di incontro di religioni, doni e fratellanza e di quante sono poche le differenze che, in fondo, ci dividono. Una curiosità: i protagonisti non sono attori, ma un vero vicario e un vero vicario che vivono a Londra.

[embedded content]

È online anche il nuovo spot natalizio Apple: da qualche anno anche l’azienda di Cupertino ha iniziato a realizzare spot natalizi che abbinano nuove funzionalità dei propri prodotti al contesto natalizio buono e solidale. Ricorderete sicuramente l’ottimo Misunderstanding del 2014 e The Song dello scorso anno. Questa volta lo spunto sul prodotto (la funzione registratore dell’iPhone) è meno forte, ma il messaggio di inclusione ed eguaglianza arriva comunque (l’attore è Brad Garrett di Tutti amano Raymond, mentre la canzone è Home for the Holidays)

[embedded content]

Il Natale è anche l’occasione di importanti partnership tra brand e registi famosi.

Leggi anche

Così Wes Anderson ( I Tenembaum, Gran Budapest Hotel) dopo i suoi lavori per Prada presta la propria firma per la più popolare H&M, senza però cambiare di una virgola il suo immaginario a metà tra il vintage e il surreale. Il brand di fast fashion che negli scorsi anni aveva affidato a Lady Gaga e a Kay Perry lo spot di fine dicembre, questa volta opta per un soluzione più alta e legata a uno specifico storytelling sul classicissimo treno andersoniano.

[embedded content]

Ma nel mondo anglosassone il Natale in pubblicità è rappresentato sopratutto dagli spot dei department store, veri e propri santuari pagani del consumismo natalizio che solitamente utilizzano la ricorrenza per produrre spot-che-scaldano-il-cuore, ma che spesso rivelano – meglio di tanti inutili sondaggi e ricerche – i mutamenti della società.

Primo fra tutti John Lewis, che trasforma ogni suo spot natalizio non solo in un buzz che genera migliaia di meme, ma anche una linea di prodotti e merchandising legati allo spot. Questa volta è il cane di una famiglia afroamericana il vero protagonista del commercial natalizio.

[embedded content]

Da Sainsbury a Mark & Spencer, da Aldi a Lidl, tutte le principali catene hanno realizzato il loro spot natalizio dove i protagonisti sono principalmente mogli super tecnologiche, coppie di anziani, ma anche… carote.

Ma vogliamo chiudere con un nuovo player dell’arena natalizia, ovvero l’aeroporto di Heathrow che esalta i servizi dei propri terminal con dei classici e pucciosissimi vecchi orsacchiotti.
Be’. Auguri, eh!

[embedded content]

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Il nostro Sistema solare potrebbe essere distrutto da una stella di passaggio?

Quanto tempo rimane alla nostra specie sul pianeta Terra? La risposta ovviamente dipende in primo luogo da noi: come...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img