venerdì, Maggio 27, 2022

L’architettura per i rifugiati

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

“L’architettura deve ritrovare il suo valore civico”.
Così scriveva sulla rivista Deezen il popolare designer Cameron Sinclair e oggi l’appello pare aver colto nel segno.

Lo dimostra l’impegno di numerosi colleghi nella ricerca di soluzioni sostenibili in favore dei richiedenti asilo, fenomeno che interroga anche chi ridisegna le città.

Una risposta interessante giunge da Hannover, dove Jorg Friedrich, docente dell’Università Leibniz, ha sviluppato con i suoi studenti dei progetti di riqualificazione urbana rivolti ai nuovi arrivati. Si va dalla riconversione di chiatte galleggianti sui fiumi all’utilizzo degli ex padiglioni dell’Expo del 2000, fino all’occupazione di vagoni abbandonati.

Il progetto si chiama Filling the gaps e il suo messaggio è chiaro: gli spazi ci sono, basta volerli trovare.

Vuoi leggere altre buone notizie come questa? Ne trovi 100 sul volume invernale di Wired ora in edicola

Leggi anche

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Nostalgia di Mario Martone è un viaggio dell'anima da 13 minuti di applausi

Trent’anni dopo Morte di un matematico napoletano, debutto al cinema di Mario Martone da Leone d’argento a Venezia, il...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img