giovedì, Dicembre 2, 2021

Nissan Leaf, la prova della city car futuristica

Must Read

Questo post è stato pubblicato da this site

Se per anni l’automobile è stata simbolo di libertà e indipendenza, con l’elettrico si ha l’impressione di dipendere dalla spina più vicina. Ma in città la Leaf ha un’autonomia più che sufficiente

La prima memoria del test con nuova Nissan Leaf è il silenzio: una condizione così strana quando si guida in pieno centro, da sembrare irreale. Un’atmosfera ovattata, che sembra quasi di camminare dopo una nevicata. Certo, volendo a bordo c’è la radio Bose; e pure quel cicalino che accompagna le manovre in retromarcia per non cogliere di sorpresa proprio nessuno. È un suono dal sapore orientale: sembra il segnale acustico degli ascensori giapponesi, cinesi o sudcoreani. In fondo, anche se è interamente realizzata in Europa, Leaf viene proprio da quelle latitudini. E con lei l’intero suo carico di luci azzurro tenue, il display semicircolare che sostituisce il quadro strumenti analogico proiettandoci subito in una nuova dimensione digitale, lo schermo touch multimediale e la consolle sospesa che pare quella d’una astronave.

In effetti, a guardarla bene, Leaf sembra figlia di una dimensione sci-fi. Futuristica, futuribile non solo nel concetto stesso di full-electric, cioè una delle propulsioni green di domani già disponibile oggi, è l’auto 100% elettrica più venduta: nel mondo ce ne sono 180mila.

Nissan Leaf (Foto: Mauro Tacchinardi / Around Gallery per wired.it)(Foto: Mauro Tacchinardi / Around Gallery per wired.it)

Proviamo Nissan Leaf a Milano, con la curiosità — e un pizzico di diffidenza — di chi approccia per la prima volta l’utilizzo prolungato del motore elettrico. Ovviamente conosciamo bene virtù, e qualche vizietto, della trazione EV: a cominciare da quella coppia subito disponibile da rendere scattante come una fuoriserie anche una city car come questa.

Leggi anche

Tuttavia, fra le preoccupazioni cui non sei abituato, ne spiccano alcune: ripensare gli spostamenti in base all’autonomia residua e ai tempi di ricarica, programmare in anticipo le uscite a lunga percorrenza calcolando anche il ritorno per non trovarsi spiazzati, sapere oggi cosa si farà domani per non dover correre a cercare colonnine di ricarica all’ultimo momento. Insomma, se per anni l’automobile è stata simbolo di libertà e indipendenza, con l’elettrico si ha l’impressione di dipendere dalla spina più vicina e di poter fuggire solo finché c’è corrente a sufficienza.

V’immaginate Thelma&Louise on the road su un’auto elettrica, o Kowalsky sfidare la legge andando anziché a Vanishing Point a zero emissioni?

Va subito detto che quando ritiro la Leaf, l’indicatore segnala 190 chilometri d’autonomia: sono molti, in città, così finisce che non ricarico mai per un’intera settimana, in barba a ogni preoccupazione. E quando arriva il momento, con la mia tesserina per l’accesso alle colonnine pubbliche, una specie di bancomat, diventa un gioco da ragazzi.

Nissan Leaf (Foto: Mauro Tacchinardi / Around Gallery per wired.it)(Foto: Mauro Tacchinardi / Around Gallery per wired.it)

Il navigatore evoluto tiene sempre sotto controllo la carica residua e quando si scende sotto i 75 km residui, tempestivamente indica le stazioni di ricarica più vicine. Nei dintorni della redazione ce ne sono diverse. Leaf MY2016 ha due diverse opzioni: la batteria da 24 kWh e quella da 30, la nostra. Per entrambe motore sincrono, 109 cavalli di potenza, circa 140 orari di velocità massima; il doppio dei limiti cittadini, poco più di quelli che extraurbani. L’operazione di ricarica è semplice. Si solleva lo sportellino anteriore sotto il logo Nissan che custodisce le prese di corrente, sono due per altrettanti voltaggi, si collega il cavo della colonna di ricarica o quelli in dotazione, e il gioco è fatto. Bastano 30 minuti per ricaricare fino all’80% nelle stazioni di ricarica veloce (come quella nella foto), fino a una notte per il ‘pieno’ con unità di ricarica normale, pubblica o domestica. Se non si hanno a disposizione postazioni ad hoc, si può utilizzare una comune presa Schuko: in questo caso però possono servire fino a 15 ore. A casa, le operazioni di carica si possono monitorare e azionare anche da remoto, con l’app NissanConnect EV: ci si connette all’auto tramite smartphone anche per accendere a distanza il climatizzatore a risparmio energetico e ricevere avvisi o aggiornamenti. Dal PC si possono inoltre controllare i dati di guida, pianificare percorsi trasferendo la rotta al navigatore, condividere soluzioni di guida ecocompatibili con la community Leaf.

Fa quasi sorridere ricordare che questa è una macchina con cinque posti comodi, oltre 355 litri di carico utile nel bagagliaio, l’impianto audio Bose e persino interni in pelle o in un innovativo tessuto ‘bio’ ricavato dalla canna da zucchero. Più green di così…

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Arrival Van: furgone elettrico che cambia tutto. Tesla dei veicoli commerciali? | Video

Arrival Van non è l'ennesimo furgone elettrico dedicato al trasporto e pensato, ad esempio, per agevolare i corrieri nell'accesso...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img