giovedì, Agosto 11, 2022

Hater, la app per trovare il partner sulla base dell’odio comune

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Viaggiare, mangiare bene, andare al cinema, leggere un buon libro o recarsi ad un concerto sono cose che a tutti piace menzionare quando si tratta di crearsi un profilo su qualche app per incontri. Il risultato è che non servono mai a nulla. Troppo banali, di certo non caratterizzanti. Pochi proverebbero ad iniziare un discorso dicendo “anche a me piacerebbe girare il mondo” pensando così di fare scattare una scintilla di interesse reciproco. Ben diverso è ragionare su ciò che non si ama fare. E allora sì che trovare qualcuno che detesti, come te, il jazz, i gatti o Il fantastico mondo di Amélie, porta subito ad una più intima sensazione di complicità.

Schermata 2017-02-02 alle 10.17.30

È questa l’idea alla base di Hater che ben riassunta peraltro sulla sua home page attuale. A rotazione infatti, dentro allo schermo di uno smartphone stilizzato appaiono una foto di Donald Trump, le gambe di una donna che sicuramente cammina troppo piano e un po’ di guacamole che il ristorante puntualmente ci chiede di pagare extra.

La app al momento è in versione beta e disponibile negli Stati Uniti solo per solo per iOS. Lo slogan è “Meet someone who hates the same stuff”. Il logo è un cuore al contrario di una tonalità vicina a quella del rosso utilizzato per il fuoco di Tinder di cui riprende anche la modalità di log-in attraverso Facebook.

Cosa piace odiare di più. Scorrendo le opzioni di “odiamo le sesso cose?” ecco che emergono azioni come rimanere alzati fino a tardi, guardare i propri vecchi status su Facebook, bere alcolici durante i voli, fare vita all’aria aperta, passare del tempo con la propria famiglia, criticare le corporation, ma possedere l’iPhone, dire troppo facilmente “ti amo” e così via.

Leggi anche

Una volta selezionatene un po’, automaticamente si avrà creato un profilo confrontabile con quello di altri user della stessa zona e del sesso che ci interesserebbe incontrare. Da qui in poi è come Tinder, solo che con qualche spunto di conversazione in più.

Del resto, come scrisse una volta Lev Tolstoj: “La lotta per l’esistenza e l’odio sono le uniche cose che leghino gli uomini“.

16003017_1911756959045986_7838404992963560507_n

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Guida al campionato più strano che si sia mai giocato

Romelu Lukaku con la nuova seconda maglia dell'Inter photo courtesy F.C. Internazionale MilanoRitorno JuveUn ritorno al passato, non tanto (o...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img