venerdì, Agosto 19, 2022

Facebook Lite arriva in Italia, solo per Android

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

fblite1

Nei mercati emergenti la disponibilità di rete è un problema di sistema e infrastrutture, ma la connessione a singhiozzi è un questione che interessa anche molti altri paesi. Per questo, dopo Spagna e Portogallo, Facebook Lite, la versione leggera dell’app di Facebook, approda anche in Italia. Tzach Hadar, Product Manager, parte dalle basi spiegando subito di cosa si tratti: “In molte aree del mondo la rete può risultare lenta e volevamo che tutte le funzionalità supportate dalla tradizionale app di Facebook per Android fossero disponibili in tutte le condizioni. Per questo abbiamo sviluppato un’applicazione a sè, che restituisse la stessa esperienza utente anche quando la banda non è sufficientemente veloce”.

Connesso dagli uffici connesso dagli uffici di Tel Aviv (dove 40 persone dedicano il loro lavoro all’applicazione) insieme a Joey Simhon, Engineering Manager, Tzach Hadar conferma che Facebook Lite è esattamente come l’app di Facebook, ma più leggera.

Nei paesi che utilizzano Facebook su dispositivi Androids low-end, più del 30% sceglie la versione snella, dove disponibile: Nei due anni di vita di Facebook Lite abbiamo registrato una buona risposta e abbiamo notato che molte funzioni erano buone per i mercati emergenti, ma anche per molti altri mercati. Per questo lo stiamo lanciando Corea del Sud, Israele, Emirati Arabi e Italia”.

Su Android è, e lì rimarrà: “Si tratta di un’esperienza Android, perché abbiamo notato che è lì che ci sono più opportunità d’interesse da parte del pubblico.

Leggi anche

Non prevediamo di portarla su iOS”, risponde Hadar.

Gli utenti di Fb Lite cercano le stesse cose di chi si muove sull’app tradizionale, spiegano i due addetti: consultazione del News Feed e condivisione dei post, notifiche push, e via dicendo. La missione è rendere più fluide tutte le operazioni. Per esempio, hanno notato che chi usa Facebook Lite spesso ha l’abitudine di condividere i dispositivi, e quindi hanno reso più facile l’operazione di log it e di log out dalla piattaforma.

Certo, sembra ardua l’impresa di riuscire ad equiparare la stessa esperienza dell’app tradizionale di un social network che da tempo mette i video al centro della sua strategia di mercato, e conta, tra pochi altri anni, di farne esclusivo cuore dell’interazione al suo interno: “È vero. I video infatti, rappresentano una delle parti più importanti anche per l’esperienza di Facebook Lite, e un esempio calzante del tentativo di trovare un buon equilibrio tra esperienza di qualità in un modo leggero. Per farlo, dobbiamo calcolare cosa l’infrastruttura può reggere, e cosa no. Questo comporta che l’Auto play rimanga appannaggio del Wi-Fi, o che i Live non siano disponibili”. 

fblite2

Sul fronte consumi della batteria, Hadar rassicura: “Facebook in generale è studiato per essere ottimizzato sui diversi dispositivi, per cui anche nella versione Lite fa in modo che possa consumare il meno possibile in termini di batteria”.

L’applicazione di Facebook per chi è a dieta di connessione, è solo una delle traduzioni pratiche del pallino di Zuckerberg e i suoi: agevolare la rete e le sue tecnologie d’accesso anche a chi non è abilitato dal contesto in cui vive. “Facebook Lite è il perfetto esempio della nostra missione che si estende a tutti i prodotti: fare in modo che le persone possano connettersi l’un l’altra, non importa dove vivano”.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

Le nuove tastiere del Signore degli Anelli con gli alfabeti di elfi e nani

La società Drop ha svelato delle speciali tastiere che faranno felici i fan de Il Signore degli Anelli. La...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img