venerdì, Agosto 19, 2022

Mobile World Congress, Huawei lancia il P10 e il P10 Plus

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Barcellona – L’astronave Huawei giace tranquilla davanti la Fontana Magica di Montjuïc. L’edizione 2017 del Mobile World Congress deve ancora iniziare, e l’azienda cinese è già sbarcata in forze per presentare il suo nuovo flagship smartphone: il promettente P10, disponibile come già il suo predecessore anche nella versione Plus.

L’avverinistica venue dell’evento organizzato da Huawei a Barcellona

Change the way the world sees you” recita il claim dell’evento, ospitato in una struttura dalle forme tanto avveniristiche da sembrare appunto atterrata da un altro mondo. L’evento inizia alle 14, ma già un’ora prima la fila fuori dalla porta è chilometrica. In molti sono venuti per vedere cosa ha in serbo Huawei e in molti resteranno fuori.

Dentro intanto Richard Yu, CEO Huawei, guadagna il palco sul quale resterà per quasi tutta l’ora successiva. Intrattiene il pubblico con un presentazione divisa in tre parti, dove la prima entra nel dettaglio del processo produttivo del nuovo P10, la seconda si sofferma sui frutti della rinnovata collaborazione con Leica, mentre la terza indugia sui dettagli tecnici relativi ad hardware e prestazioni.

In molti si avvicendano sul palco, ma notevole è l’intervento di Leatrice Eiseman, executive director del Pantone Color Institute, che spiega per filo e per segno come la sua istituzione e Huawei abbiano collaborato per sviluppare due dei colori che caratterizzano la livrea del nuovo P10: il Pantone 15-0343, detto Greeenery, e il Pantone 19–4029, detto Dazzing Blue.

cofcof

Sono solo due dei colori disponibili: ad essi si aggiungono Rose Gold, Mystic Silver, Graphite Black, Prestige Gold e Dazzling Gold.

Leggi anche

Tra tutti, Dazzling Blue e Dazzling Gold si distinguono per la finitura hyper diamond-cut, che incide la scocca rendendola anti-scivolo e anti-impronte, oltre che più bello a vedersi.

Richard Yu è euforico: si vede che è entusiasta del nuovo smartphone, il quale in effetti sembra essere – dati alla mano – un consistente passo in avanti rispetto al suo predecessore.

Per esempio per quanto riguarda il comparto fotografico, sempre più importante per uno smartphone: il P10 non solo rinnova la partnership tra Leica e Huawei con la nuova dual-camera 2.0, che diventa 2.0 Pro Edition (caratterizzata dalle nuove lenti SUMMILUX-H, con un’apertura più ampia pari a F/1.8) quando si tratta del P10 Plus, ma la porta anche avanti rispetto al passato estendendo la collaborazione alla relazione anche della fotocamera frontale, quella dedicata ai selfie.

Andiamo con ordine: la doppia fotocamera posteriore, che funziona con un sensore RGB da 12 megapixel, un sensore in bianco e nero da 20 megapixel e algoritmi di fusione avanzati, da oggi può contare su una tecnologia di riconoscimento facciale 3D che rileva oltre 190 punti del viso, per un foto sempre a fuoco e illuminate in maniera ottimale. Il sistema può inoltre contare su un nuovo algoritmo che gestisce la profondità di campo, grazie al quale si ottiene un effetto bokeh più naturale e con colori più vividi, oltre che ovviamente uno sfocato più convincente.

richard yu

Tornando alla fotocamera anteriore da 8 megapixel, anche questa realizzata con Leica, essa include una nuova apertura F/1.9 e un sensore rinnovato che ora cattura più luce. Interessante qui è il fatto che sia il P10, sia il P10 Plus rilevano automaticamente se si sta scattando un selfie da soli o in gruppo, passando automaticamente alla modalità grandangolo se necessario.

Quando poi arriva il momento di parlare del “motore” presente sotto una scocca spessa appena 6,98 millimetri e protetta da un Gorilla Glass di quinta generazione che nasconde un display 2K, appare chiaro che Huawei ci si è messa di impegno: il processore è il nuovo Kirin 960 (dove la sola GPU vanta un miglioramento del 180 per cento in termini di prestazioni e un miglioramento del 40 per cento nell’efficienza energetica), sul quale gira da subito la nuovissima interfaccia EMUI 5.1.

Quest’ultima porta in dote maggiore efficienza insieme con un inedito algoritmo di machine learning che impara dai comportamenti degli utenti ed è in grado di anticipare l’utilizzo delle diverse app, così da allocare e riutilizzare in modo intelligente le risorse di sistema.

Un telefono potente richiede alimentazione all’altezza: ci pensano le batterie da 3200 e 3750 mAh rispettivamente per il P10 e il P10 Plus, laddove entrambi gli smartphone supportano supportano la tecnologia HUAWEI SuperCharge. Grazie alla quale è ad esempio possibile caricare 30 minuti lo smartphone per avere in cambio un giorno di utilizzo.

Dal punto di vista della connettività, di nuovo c’è che lo Huawei P10 PLUS dispone di un sistema di antenne MIMO 4×4 (quattro antenne) grazie al quale supporta – primo smartphone al mondo, come tiene e a precisare Richard Yu – la rete 4.5G. Sia il P10 che il P10 Plus sono inoltre dotati di un sistema di antenna Wi-Fi MIMO 2×2 (due antenne) per una copertura Wi-Fi ad altissima velocità.

Utile anche il tasto home frontale, che non solo fa da lettore di impronte, ma è registra il tap breve, quello più lungo e lo swipe verso destra o verso sinistra.

La "famiglia" P10La “famiglia” P10

Il Huawei P10 sarà disponibile in Italia a partire dal 30 marzo nei colori Prestige Gold, Graphite Black, Mystic Silver a un prezzo consigliato al pubblico di 679,90 euro. La versione Dazzling Blue sarà invece disponibile solo successivamente.
Per quanto riguarda invece lo Huawei P10 Plus, questo sarà disponibile in Italia a partire dal 15 aprile nei colori Graphite Black e Mystic Silver a un prezzo consigliato al pubblico di 829,90 euro. Le versioni Dazzling Blue, Dazzling Gold e Greenery saranno disponibili solo successivamente.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

10 auto elettriche interessanti con prezzi sotto i 35 mila euro

Sul mercato arrivano continuamente nuovi modelli di auto elettriche in grado di accontentare le esigenze di mobilità di sempre...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img