venerdì, Agosto 19, 2022

Questa cover per smartphone è fatta con vere ali di farfalla

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

La maison Khamama London propone una colorata serie di cover realizzata con mosaici di ali di farfalla: una violenza contro la bellezza della natura o una forma di lusso sostenibile sul piano ambientale e sociale?

Le cover per iPhone della maison Khamama London sono senza alcun dubbio di grande impatto. Perché sono eleganti, coloratissime e raffinate, certo. Ma la loro caratteristica peculiare potrebbe renderle un tantino discutibili: ciò che le rende tanto lussuose, con prezzi che si aggirano intorno alle 350 sterline per ogni esemplare, è la decorazione realizzata con ali di farfalle. Farfalle vere, giusto per essere chiari.

Come esistono le pellicce di visone, le borsette di coccodrillo e le cinture in pitone, insomma, così ora esistono anche le custodie per smartphone fatte di ali di farfalla. L’idea, bisogna ammetterlo, può far storcere diversi nasi: sarà che lo svolazzante insetto è sempre stato nell’immaginario collettivo un simbolo di libertà e leggiadria, sarà che già il vedere una “farfalla infilata a uno spillo” può suscitare un misto di “bestemmia e poesia” — come cantava Anna Oxa in una sua canzone del 1978. Ma si tratta davvero di un macabro capriccio per ricchi annoiati in cerca di sfarzo?

Khamama London, dal canto suo, insiste sulla totale sostenibilità del proprio prodotto, tanto dal punto di vista ambientale quanto da quello sociale.

Gli allevamenti di farfalle che si possono trovare nelle zone delle foreste pluviali, da cui la maison si rifornisce per le cover, sarebbero infatti completamente ecocompatibili, poiché non contemplano l’utilizzo di pesticidi e aiutano il mantenimento dell’ecosistema con un impatto prossimo allo zero. E, al contempo, costituirebbero un’importante fonte di reddito per i piccoli gruppi di allevatori locali.

Leggi anche

Il danno per l’ambiente, insomma, non ci sarebbe, ma può oggettivamente restare la sgradevole sensazione di aver abusato della bellezza della natura, piegando una delle sue forme più pure e fragili al proprio volere da borsetta: un atto che era già costato numerose proteste all’artista Damien Hirst, quando l’esposizione alla Tate Modern di Londra della sua opera In and Out of Love — che prevedeva la presenza di farfalle vive all’interno di una stanza chiusa — era stata accompagnata dalla morte di circa 9mila lepidotteri in 23 settimane di mostra.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

10 auto elettriche interessanti con prezzi sotto i 35 mila euro

Sul mercato arrivano continuamente nuovi modelli di auto elettriche in grado di accontentare le esigenze di mobilità di sempre...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img