mercoledì, Maggio 22, 2024

Harry Potter compie 20 anni: come ha influenzato una generazione

Must Read

Questo articolo è stato pubblicato da questo sito

Harry-Potter-and-the-Philosophers-Stone-1st

Esattamente venti anni fa, il 26 giugno 1997, nelle librerie del Regno Unito usciva Harry Potter and the Philosopher’s Stone (da noi Harry Potter e la Pietra Filosofale uscì nel maggio successivo). Il successo per la storia del maghetto orfano che acquisisce una dimensione eroica grazie alla scuola di incantesimi di Hogwarts fu immediato e non si è ancora fermato. Dati non aggiornati parlano di 500 milioni di copie vendute in tutto il mondo con traduzioni in più di 70 lingue, ma soprattutto di un brand che in generale si aggira attorno ai 25 miliardi di dollari, con l’autrice J.K. Rowling salda al primo posto fra gli scrittori più ricchi al mondo.

Scopri 50 curiosità su Harry Potter.

L’editore di Rowling le propose di usare uno pseudonimo meno “femminile” per poter raggiungere anche i lettori maschi. Alla fine si optò per le iniziali J.K., dove la K. sta per Kathleen, il nome della nonna dell’autrice.Sfoglia gallery50 immagini

Call me Kathleen L’editore di Rowling le propose di usare uno pseudonimo meno “femminile” per poter raggiungere anche i lettori maschi. Alla fine si optò per le iniziali J.K., dove la K. sta per Kathleen, il nome della nonna dell’autrice.

Call me Kathleen
Call me Kathleen L’editore di Rowling le propose di usare uno pseudonimo meno “femminile” per poter raggiungere anche i lettori maschi. Alla fine si optò per le iniziali J.K., dove la K. sta per Kathleen, il nome della nonna dell’autrice.Depressione
Depressione I Dissennatori sono basati sulla battaglia che la stessa Rowling ha compiuto contro la depressione dopo la morte della madre, avvenuta nel 1990 a causa della sclerosi multipla.Senza patronus
Senza patronus Il gigante Hagrid è sprovvisto di patronus, in quanto secondo Rowling l’incantesimo per evocarlo è troppo difficile per questo personaggio tanto buono quanto goffo.Babele
Babele Con traduzioni in quasi 70 lingue, compresi il catalano, il greco antico, il latino e l’occitano, Rowling è una delle autrici più tradotte al mondo. C’è pure una versione in inglese americano, per renderlo più comprensibile ai giovani lettori statunitensi.McGrannitt e il Quidditch
McGrannitt e il Quidditch In una scena de “La Camera dei Segreti” il nome di Minerva McGrannitt è indicato in una serie di trofei di Quidditch. Rowling ha poi rivelato che la professoressa era stata in passato una dotatissima giocatrice, salvo poi rompersi alcune costole in seguito a una grave caduta. Ma la passione per lo sport le è rimasta anche in tarda età.Dolci celebrità
Dolci celebrità Harry, Ron e Hermione vennero celebrati tutti e tre con una figurina nelle Cioccorane.Sportiva
Sportiva Negli anni successivi alla fine dei libri, Ginny Weasley è divenuta una giocatrice professionista di Quidditch, salvo poi abbandonare il campo per diventare cronista sportiva per il Daily Prophet.Titoli americani
Titoli americani Gli editori americani del primo libro proposero come titolo “Harry Potter and The School of Magic”, ritenendo “The Philosopher’s Stone” troppo astruso. Rowling riuscì a cambiarlo in “The Sorcerer’s Stone”.Vittoria
Vittoria Secondo quanto raccontato da Rowling sugli anni successivi alla battaglia di Hogwarts, Bill e Fleur Weasley hanno avuto una bambina nata nell’anniversario della battaglia stessa. L’hanno per questo chiamata Victoire.Burloni per nascita
Burloni per nascita Fred e George Weasley sono nati il 1° Aprile, confermando la loro vocazione agli scherzi.

Perché la forza di Harry Potter è stata quella di costruire attorno ai libri un universo coerente e potenzialmente infinito: film blockbuster, opere teatrali, parchi di divertimento, siti internet, giochi, merchandising, perfino squadre vere e proprie di quidditch (qui la nostra esperienza a una partita inglese). Ma al di là della sua consistenza economica, la saga di Hogwarts ha rappresentato un fenomeno culturale senza precedenti che, nell’ultimo ventennio, ha contribuito a modellare i gusti e le abitudini di un’intera generazione, sia in termini letterari che per quanto riguarda lo spettacolo in generale.

Come dicono molti osservatori americani, i libri di Rowling “made reading cool again“, parafrasando uno slogan trumpiano. Chi nel 1997 aveva attorno agli otto-dieci anni si è rimesso a leggere con voracità e impazienza, trovandosi di fronte a un’avventura letteraria che non l’ha più abbandonato. Il successo delle avventure di Harry Potter, lodate fin da subito per la scrittura magistrale, l’immaginazione fervida e la costruzione narrativa avvincente, hanno avvicinato milioni di ragazzini alla lettura (negli Stati Uniti, dove già il primo titolo fu semplificato in Harry Potter and the Sorcerer’s Stone, furono subito preparate delle edizioni in Simple English per garantire un accesso ancora più vasto).

Da quel momento una generazione si è riconciliata con i libri, con il gusto delle parole (come dice Silente “la nostra massima e inesauribile fonte di magia“) e con un genere, quello del fantasy, che è rinato dalle proprie ceneri come una fenice. Considerato morto per molto tempo dagli editori (Rowling ha ricordato più volte le molte lettere di rifiuto che ha ricevuto), è riuscito a imporsi nuovamente fra i giovani, dando vita a una serie di sotto-generi come il vampiresco di Twilight e il distopico young adult di Hunger Games, le cui conseguenze vediamo fino ai giorni nostri.

Questi due ultimi accostamenti non sono casuali: il modello Harry Potter si è dimostrato vincente anche sul piano dell’industria culturale a tutto tondo. Perché sostanzialmente è stato il primo dei titoli letterari a raggiungere una tale solidità di fanbase da convincere i produttori cinematografici a tentare l’adattamento cinematografico e, da lì, uno sfruttamento commerciale che ha trasformato un romanzo in un brand multipiattaforma. La letteratura si è imposta così sotto una nuova luce di storytelling seriale e se oggi abbiamo prodotti come Game of Thrones un po’ di merito va dato sicuramente anche a Rowling.

è tornata protagonista grazie all'uscita del libro "Harry Potter e la maledizione dell'erede" e all'arrivo sul grande schermo del film "Animali fantastici e dove trovarli", che nei prossimi anni avrà quattro sequel (Foto: Anadolu Agency/Getty Images)

Ma Harry Potter non ha plasmato solo i gusti e gli interessi dei più o meno giovani della fine degli anni Novanta. Li ha anche accompagnati durante la loro crescita per ben dieci anni (quasi quindici se si considerano i film), in tempi che non sono stati per nulla semplici. Quella che all’inizio sembrava un’innocua storia di magia, seppur dalle fondamenta tragiche, si è trasformata in un’epica dark e matura, in cui gli eroi devono affrontare il male assoluto per riportare la libertà in un’epoca sempre più fosca e repressiva. Poche narrazioni hanno rappresentato e in qualche modo anticipato il tracollo della nostra società negli ultimi decenni: noi Babbani abbiamo all’incirca vissuto anni di terrore e minaccia mentre leggevano le stesse cose accadere ai maghi della finzione.

Perché Harry Potter sostanzialmente è una storia di diversità, accettazione dell’altro, unione e condivisione, solidarietà verso gli emarginati e gli oppressi, opponendo i valori della libertà a quelli della tirannia. Già nel 2014 lo studio La più grande magia di Harry Potter, guidato da Loris Vezzali dell’Università di Modena e Reggio, arrivava alla conclusione che i lettori della saga si dimostravano più sensibili alle cause degli immigrati, dei rifugiati e delle persone omosessuali. Oggi che una specie di Voldemort in carne e ossa come Trump è alla Casa Bianca, Rowling è una delle più determinate attiviste che lo contrastano sui social media, e con lei migliaia di fan e lettori.

Permettendosi di scardinare i retaggi retrogradi della nostra società trasfigurandoli in un mondo di magia verosimile, Rowling è riuscita a proporre personaggi femminili forti come Hermione Granger, ha liberato dai bulli gli impacciati come Neville Paciock, ha reso i freak come Luna Lovegood delle icone indiscusse. Forse è esagerato dire che un romanzo – o meglio una saga di romanzi – abbia portato risultati così importanti, ma il tentativo forte di scardinare certe dinamiche c’è stato.

Gli eventi politici che ci stanno portanto indietro di decenni, i fenomeni preoccupanti e autodistruttivi del web, la disaffezione dei più giovani (nati magari dopo il 1997) verso certi temi e soprattutto verso la cultura sono segnali d’allarme che ci fanno capire quanto la strada sia ancora lunga. Ma, passati vent’anni, possiamo dire che quella di Harry Potter è ormai un’eredità magica e preziosa, che va portata avanti e tramandata almeno nei suoi valori fondamentali. Aprendo un libro, sorridendo al diverso.

Leggi anche

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento?

Segui

- Advertisement -spot_img
- Advertisement -spot_img
Latest News

L'intelligenza artificiale potrebbe sostituire 200mila dipendenti pubblici italiani

Più della metà dei dipendenti pubblici italiani vedrà la propria attività fortemente impattata dall’intelligenza artificiale. Lo certifica la ricerca...
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img