Game of Thrones 8, boom di streaming pirata

0
220
Questo post è stato pubblicato qui

Il 14 aprile è finalmente uscita la nuova stagione di Game of Thrones. L’ottava e ultima. Dopo un lunghissimo anno di attesa senza nemmeno un episodio a disposizione, alcuni fan della serie non hanno saputo resistere e hanno preferito guardare il debutto dell’ottava stagione su canali illegali non potendo, o non volendo, usufruire di quelli ufficiali e a pagamento.

Risultato? Il primo episodio dell’ottava stagione di Game of Thrones è stato visto illegalmente 55 milioni di volte nelle prime 24 ore dalla messa in onda.

Eugene Kaspersky, AD dell’omonima società di cyber sicurezza, twitta che il 12,5% delle visualizzazione è avvenuto a seguito di un download illegale dell’episodio tramite i siti di file sharing, l’11,3% tramite download via torrent. La restante percentuale sono tutte le visualizzazioni dell’episodio tramite l’utilizzo di siti che effettuano lo streaming illegale.

Raggiungere un così alto numero di visualizzazioni in così breve tempo sta a significare un’enorme organizzazione dietro le quinte dei vari canali di streaming.

Basti pensare che l’episodio necessita innanzitutto di essere copiato in digitale. Per renderlo fruibile a un pubblico maggiore è necessario trascrivere tutti i dialoghi e tradurli. Successivamente i sottotitoli vanno inseriti associati al corretto time-code (indicazione temporale dei fotogrammi che serve per sincronizzare il parlato con i sottotitoli ndr) prima di caricare il file finito sui siti interessati.

D’altro canto c’è chi sfrutta tutta questa situazione infettando i download e approfittando della bramosia dei fan della serie.

In un’analisi effettuata da Kaspersky è mostrato come nel 2018 la serie Game of Thrones ha rappresentato il 17% per la diffusione di contenuti piratati infetti piazzandosi al primo posto a livello mondiale con 20.935 file scaricati contenenti dei virus.

The post Game of Thrones 8, boom di streaming pirata appeared first on Wired.