Spostare massi da 25 tonnellate con una mano? Si può fare

0
235
Questo post è stato pubblicato qui

Come hanno fatto i nostri antenati a realizzare siti come Stonehenge e le altre strutture megalitiche? In che modo è stato possibile muovere massi dal peso superiore a 25 tonnellate con gli strumenti dell’epoca? Da queste domande è partito il progetto di un team di Matter Design (in cui figuravano diversi ricercatori del Mit) per capire come le antiche civiltà furono in grado di lasciarci opere come l’isola di Pasqua e le piramidi egizie.

Dopo cinque anni di studi, test e sperimentazioni è arrivata una risposta, precisamente un metodo di costruzione che può aver favorito la nascita di quei capolavori giganteschi. Tutto ruota attorno all’utilizzo del calcestruzzo a densità variabile, che consente di calibrare in maniera precisa il centro del megalito al fine di controllare, e quindi facilitarne il movimento. E ancora, così facendo i massi si possono inclinare e spostare ma è possibile anche assemblarli, quasi come fosse un gioco.

Credit: Matter Design Studio

La dimostrazione pratica arriva da Walking Assembly, la clip realizzata dallo stesso Matter Design per dimostrare come sia semplice poter giostrare i massi in base alle varie esigenze. Al netto delle difficoltà dell’operazione, per Brandon Clifford, capo del progetto, “c’è sempre la possibilità di individuare il centro della massa”. Tale meccanismo potrebbe cambiare il futuro delle costruzioni, rendendo il processo più agile in quanto permette alle imprese di poter fare a meno di costose e ingombranti gru.

The post Spostare massi da 25 tonnellate con una mano? Si può fare appeared first on Wired.