Con quest’arnia domestica puoi produrre il miele in casa (e salvare le api)

0
261
Questo post è stato pubblicato qui

Le api sono sempre di meno e la riduzione del loro numero, com’è noto, ha risvolti pesanti anche sull’uomo, poiché più di settanta colture – da cui dipende il 90% della produzione agricola mondiale – vengono impollinate dalle api. Se le api spariscono, quindi, rischiano di sparire anche tanti cibi, ed è per questo che negli ultimi anni molti designer e ingegneri stanno studiando soluzioni, anche sorprendenti, per rilanciare e semplificare l’apicoltura.

Uno dei modelli più quotati arriva dall’Italia, si chiama B-Box ed è stato realizzato da Beeing, startup italiana con sede a Faenza fondata da Gabriele Garavini e Roberto Pasi. Il loro merito è aver sviluppato un sistema diviso a metà, con le api che vivono da una parte della piccola struttura e il prodotto che si accumula in un’altra sezione. In tal modo, estrarre la sostanza è facile e sicuro, con un intervento che non richiede protezioni e mette al sicuro da punture.

Credit Beeing

Concepito per gli spazi domestici esterni (giardino, terrazza o balcone), B-Box è composto da pannelli di legno, ma può anche essere personalizzato, e permette di osservare le api al lavoro. Grazie al successo ricevuto su Indiegogo, l’ultimo prodotto di Beeing (che in precedenza ha ideato anche B-Secure, sistema per monitorare i movimenti dell’arnia senza disturbare le api) si può ordinare al prezzo di 549 euro.

The post Con quest’arnia domestica puoi produrre il miele in casa (e salvare le api) appeared first on Wired.