Star Wars: L’ascesa di Skywalker, tutte le teorie sull’ultimo capitolo

0
287
Questo post è stato pubblicato qui

Il 18 dicembre non è lontano. Più si avvicina la data di uscita in Italia di Star Wars: L’ascesa di Skywalker, più si moltiplicano teorie, ipotesi e tentativi di comprendere che cosa effettivamente succederà in questo capitolo conclusivo. Di sicuro, arriveranno a compimento i destini dei due rivali Rey e Kylo, ma si saprà anche come si concluderà lo scontro eterno fra Resistenza e Primo Ordine/Impero. Poi si chiuderà il ciclo legato alla famiglia Skywalker.



La carne al fuoco è tanta. Le anticipazioni che circolano sono pensate appositamente per suscitare più dubbi che risposte. Ecco invece alcune teorie molto gettonate tra i fan attenti e fantasiosi della serie filmica di fantascienza più famosa al mondo.

Dark Rey

Dopo l’uscita del primo trailer, uno degli elementi più discussi è stato la comparsa di Rey con un cappuccio nero tipico dei Sith e una doppia spada laser rossa alla Darth Maul. Alcune teorie accarezzano la possibilità che la paladina della Resistenza passi al Lato oscuro; ciò però sarebbe accompagnato da una seconda svolta inaspettata, ovvero la redenzione o comunque il pentimento di Kylo Ren, che salterebbe così dalla parte dei buoni per il consueto amore per l’equilibrio nella Forza tipico di Star Wars. Ci sono spiegazioni diverse: l’immagine malvagia di Rey sarebbe solo un’illusione indotta dal controllo mentale di Palpatine, e lo stesso varrebbe per la scena nel secondo trailer in cui Kylo e Rey distruggono assieme quello che sembra il simulacro di Darth Vader.

I genitori di Rey

La natura essenzialmente buona o malvagia di Rey è anche legata alle sue origini: si è discusso molto sulla vera identità dei genitori, che Kylo Ren (mentendo?) ha bollato come “dei nessuno” ne Gli ultimi Jedi. La questione sarà affrontata di certo anche qui.
Le tesi al momento: forse, si tratta di qualcuno legato agli Skywalker oppure si vuole Rey discendente di Obi Wan Kenobi. O, ancora, vale l’opzione dei “genitori nessuno”, nel senso che Rey è il risultato di una clonazione (di Darth Vader? Dal braccio di Luke?), magari ordita dallo stesso Palpatine per mettere a punto il corpo perfetto in grado di ospitare la Forza. E questo spiegherebbe la velocità e l’abilità con cui la donna ha raggiunto pieni poteri.

I fantasmi della Forza

Lo sappiamo, L’ascesa di Skywalker vale come capitolo conclusivo della trilogia sequel, ma chiuderà anche l’intera saga di nove film: per questo torneranno figure cult tipo Palpatine e Lando. È possibile che pure altri personaggi storici compaiano, magari nella forma di fantasmi della Forza (era già successo negli episodi precedenti, anche per Yoda ne Gli ultimi Jedi). C’è chi dice che Palpatine riapparirà proprio in quelle vesti, mentre è quasi certo che Mark Hamill farà ritorno dopo essere morto nel film precedente. Altri credono che persino lo Obi-Wan Kenobi di Ewan McGregor possa arrivare, dal momento che l’attore è già stato ingaggiato per la serie tv di Disney+. Secondo alcuni non è da escludere una reunion virtuale di tanti Jedi del passato e una toccata-e-fuga di Anakin Skywalker col volto di Hayden Christensen (il quale, negli scorsi mesi, ha cancellato all’improvviso la partecipazione a una convention di fan).

Il ritorno di Palpatine (e di Snoke?)

star wars

Ormai è chiaro che il ruolo di Palpatine sarà fondamentale, certo vai a capire come. Promemoria veloce: l’ultima volta è stato spinto da Darth Vader nel reattore della seconda Morte nera. Come ha fatto a sconfiggere la morte? Se non tornerà, appunto, in forma di fantasma della Forza, secondo alcuni potrebbe assumere le sembianze di clone dell’imperatore originale, parte di una specie di piano B progettato fin dai tempi della Guerra dei cloni (ipotesi ulteriore: si tratta del fantasma della Forza di Palpatine incarnato in uno dei suoi cloni). In alcuni videogiochi o serie a fumetti come Star Wars: Shattered Empire si sono viste persino delle Sentinelle, ovvero droide con le fattezze di Palpatine stesso.
C’è anche chi si domanda che fine abbia fatto veramente Snoke: quello che sembrava il grande villain della trilogia sequel è stato eliminato in fretta da Kylo ne Gli ultimi Jedi. Arrendersi alla sua fine così subitanea (e sostanzialmente inutile)? È dura, soprattutto per quelli convinti che Snoke sia Darth Plagueis, il maestro Sith di Palpatine stesso capace di sconfiggere la morte.
Dunque: Snoke tornerà anche in questo film? Il suo destino è davvero legato al ritorno di Palpatine? L’ingresso di Darth Plagueis, che avrebbe così manipolato le sorti della galassia per generazioni, sarebbe un twist niente male.

L’addio a C3PO (e al Millennium Falcon)

Altre scene nei trailer fanno pensare a un destino complesso anche per C3PO: vediamo il droide dorato, infatti, prima con gli occhi rossi e poi pronunciare una frase enigmatica, “Do un’ultima occhiata ai miei amici”. Al netto della tendenza a drammatizzare tipica di 3PO, c’è chi è convinto che questo ultimo capitolo vedrà la morte dell’amato personaggio robotico, non prima di un tentativo del nemico di sabotarne la personalità. L’introduzione di Babu Frik, esperto riparatore di droidi, andrebbe in questa direzione: potrebbe intervenire per sistemare 3PO dopo una manomissione da parte del Lato oscuro, però non è da escludere che i protagonisti cerchino in lui (presente fin dal primissimo film) un segreto custodito nei suoi circuiti più remoti. In un modo o nell’altro, insomma, il droide sarà fondamentale , nella speranza di non dover dirgli addio.

E a proposito di elementi presenti fin dal primo film, c’è chi è anche convinto che si dovrà dire addio anche al Millennium Falcon: la nave di Han Solo, morto il suo proprietario ne Il risveglio della Forza, è passato nelle mani di Poe sotto la guida costante del fido Chewbecca. Ma questa nave è molto più di un mezzo di trasporto spaziale, è quasi un personaggio organico all’interno della saga e il fatto che essa giunga al termine potrebbe equivalere anche a una distruzione concreta del Falcon stesso.

Il Lato grigio della Forza

Si è parlato in precedenza della tendenza della Forza a rimanere in equilibrio nell’universo. Ne Gli ultimi Jedi Luke cercava di superare questa dicotomia distruggendo tutti i testi sacri degli Jedi, in modo da far dimenticare la loro esistenza e la loro rivalità coi Sith. È così che nasce l’ipotesi di una terza via, il Lato grigio della Forza, accennato in altri materiali con riferimento a coloro che padroneggiano la Forza ma camminano sul filo fra luce e ombra: una descrizione piuttosto calzante per l’ambiguità di personaggi come Kylo e Rey. Da qui deriverebbe anche un’ulteriore teoria riguardante il titolo L’ascesa di Skywalker: non si tratterebbe di una persona singola, ma di una nuova generazione di Jedi grigi, che ha raggiunto quell’equilibrio a metà strada fra bene e male e che prenderebbe il nome dal primo della specie, lo stesso Luke Skywalker appunto (non a caso Kylo e Rey sono stati addestrati da lui a un certo punto della loro vita).

Il destino di Rylo

Fin da Il risveglio della Forza, c’è chi vede in Kylo e Rey non solo degli acerrimi antagonisti, ma anche una coppia perfetta di innamorati, che potrebbe portare alla redenzione definitiva dell’uno o dell’altra. Ma le cose così sarebbero fin troppo semplici: alcuni fan sostengono che i due siano evidentemente connessi attraverso la Forza, tanto che il loro potere cresce in maniera proporzionale. In qualche modo, sarebbero le due metà di una stessa identità,  uniti da un destino comune ben al di là della loro rivalità. Qualcuno si spinge addirittura a dire che la prima vivrà nel secondo dopo l’eventuale morte di uno dei due. Insomma, ben oltre l’amore, ci sarebbe una vera e propria connessione intrinseca fra i due, che potrebbe avvalorare appunto l’ipotesi di una Forza grigia generata dall’incontro della luce di Rey e dell’oscurità di Kylo.

The post Star Wars: L’ascesa di Skywalker, tutte le teorie sull’ultimo capitolo appeared first on Wired.