La prova degli occhiali smart Huawei X Gentle Monster

0
157
Questo post è stato pubblicato qui

Nell’era della “dittatura del multitasking”, avere le mani libere mentre si telefona, si ascolta la musica o si imposta una sveglia è fondamentale. Gli Huawei X Gentle Monster sono i nuovi occhiali smart pensati per tutto questo: un dispositivo indossabile che facilita la comunicazione telefonica. Così come lo svago dell’ascolto musicale.

Li abbiamo provati per vari giorni ed ecco cosa ne pensiamo. Innanzitutto gli occhiali sono leggerissimi e dal design sottile, rivelandosi un accessorio alla moda oltre che un dispositivo intelligente. La confezione comprende una custodia in pelle che fa da caricabatterie wireless (ma c’è anche il cavetto usb incluso). Basta riporre gli occhiali all’interno e la ricarica si avvia in automatico.

Con questa, gli occhiali Huawei X Gentle Monster garantiscono un utilizzo no stop per oltre due ore e mezza, come abbiamo potuto constatare. E comunque è raro effettuare chiamate o ascoltare musica ininterrottamente per più di due ore. Ogni volta che si riporranno gli occhiali nella custodia (anche solo per pochi minuti), la batteria integrata li alimenterà. Insomma: non rimarrete mai a secco di parole e di note! Si attiva il bluetooth sullo smartphone e si seleziona il dispositivo “eyewear” per collegarsi. Da quel momento in poi gli occhiali diventeranno un’appendice del vostro smartphone.

Qui però va subito fatta una distinzione non da poco: se il sistema operativo è iOS, tante funzioni non saranno abilitate, per esempio quella per cui con un semplice doppio tocco sulle aste si può rispondere a una chiamata o terminarla (così come mettere in play o in pausa una canzone). Chi ha Android, invece, non avrà problemi: tutte le funzioni, anche quelle disattivate di default (come questa del doppio tap sulla montatura per gestire chiamate e riprodurre musica), possono essere attivate manualmente o attraverso apposite app.

L’accoglienza da parte di un assistente vocale che vi offrirà un saluto mattutino (dalle 6.00 alle 11.59), uno pomeridiano (dalle 12.00 alle 17.59) e uno serale (dalle 18.00 alle 22.59) è compatibile solo con smartphone Huawei dotati di Emui 9.1.0.192 e superiore, altrimenti è necessaria un’applicazione apposita.

Per ricevere i saluti giornalieri, gli occhiali devono essere connessi allo smartphone e deve risultare attiva la rilevazione indossaggio. Per chi ha scelto Apple, invece, chiamate e gestione musica andranno fatte sullo schermo dell’iPhone, selezionando il dispositivo. Le telefonate offrono una qualità audio davvero notevole: nitidezza della voce, nessun riverbero, zero eco… Un livello qualitativo da auricolari top insomma.

Ma il vero entusiasmo arriva quando avviate Spotify, Deezer, Apple Music o qualsiasi app musicale abbiate installato sullo smartphone: la qualità audio è pazzesca se si pensa che si sta ascoltando un pezzo dei Public Enemy o una sonata di Stravinsky dalle astine di un paio di occhiali… Il doppio altoparlante e il design semiaperto consentono di immergersi totalmente in un campo sonoro vibrante e stratificato, sperimentando una qualità del suono ottima.

Il segreto sta nella particolare struttura della cavità audio che favorisce la direzionalità dei raggi sonori, migliorando l’isolamento acustico. Questo non solo per offrire performance audio impressionanti ma anche per proteggere la privacy: telefonate all’amante o musica imbarazzante – tipo boy band di dubbio gusto – saranno schermate da orecchie indiscrete, niente paura.

Anche la tecnologia AI di riduzione del rumore ambientale contribuisce a un ascolto più chiaro, ben definito e nitidissimo.
Il doppio microfono integrato in ciascuna delle due aste è in grado di ridurre sensibilmente il rumore lineare, rendendo chiarissime le conversazioni e le playlist. Nonostante nella montatura ci sia tutto questo po’ po’ di roba (doppio microfono, doppio altoparlante, sensori eccetera), da notare è che le aste risultano comunque sottili, del tutto simili a quelle di normali occhiali da sole o da vista privi di funzionalità smart.

A proposito di sensori, quelli integrati nella montatura sono pensati per controllare l’audio in autonomia, a prescindere dal double tap dello user. Infatti quando ci si toglie gli occhiali la musica va automaticamente in pausa (stessa cosa ovviamente in caso di chiamate in entrata e in uscita). Non appena si indosseranno di nuovo, la riproduzione riprenderà dopo 15 secondi.

Per i musicofili fissati con l’audio, da provare assolutamente è una chicca che abbiamo sperimentato durante i vari test. Ponete le mani a conca all’altezza delle orecchie ascoltando una canzone che vi gasa particolarmente. L’adrenalina toccherà livelli pazzeschi!

Sono resistenti all’acqua e alla polvere IP67. È però assolutamente sconsigliato ricaricare i Gentle Monster se sono bagnati, quindi occhio. Non fornendo Huawei servizi di optometria, gli occhiali dispongono di normali lenti di vetro, che si possono sostituire con lenti ottiche prescritte dal proprio oculista.

Wired


Qualità audio eccellente; design accattivante; peso minimo degli occhiali, utilizzo e sincronizzazione bluetooth facili, intuitivi e immediati.

Tired


Poca compatibilità con sistemi iOS; peso della custodia di ricarica.

Voto: 8,5

The post La prova degli occhiali smart Huawei X Gentle Monster appeared first on Wired.