La terribile gaffe di Salvini: “Mi vergogno di quel cantante che paragona donne come troie, violentate. Lo fai a casa tua, non in Rai”

0
305
Questo post è stato pubblicato qui

Matteo Salvini e il suo staff sono incappati in una terribile gaffe che per un giorno ha fatto il giro del web. Infatti, mentre era collegato in diretta con “Non è l’Arena” di Massimo Giletti domenica sera, Salvini ha detto una frase che i suo staff ha riscritto e diffuso via Twitter, questa:

“Col nostro governo abbiamo approvato la legge #codicerosso. La donna che denuncia deve essere convocata entro tre giorni dal magistrato. A proposito mi vergogno di quel cantante che paragona Donne come troie, violentate, sequestrate, stuprate e usate come oggetti. Lo fai a casa tua, non in diretta sulla Rai e a nome della musica italiana”

Si è scatenato ovviamente un putiferio perché, anche se si tratta di un tweet scritto in una lingua molto lontana dall’italiano, fa capire che, secondo il punto di vista di Salvini, un uomo può parlare delle donne come oggetti, violentarle o sequestrarle a casa propria, ma non in pubblico sulla tv di Stato. È chiaramente una frase uscita malissimo, un concetto che così come sembra dal tweet un politico non dovrebbe mai e poi mai esprimere e chiaramente è stato preso di mira sui social. Tra coloro che hanno risposto a Salvini c’è anche Stefano Buffagni del MoVimento 5 Stelle, viceministro dello Sviluppo Economico, che ha scritto:

“Quindi insultare, sequestrare, violentare, stuprare, usare le donne come oggetti, per te va bene ma basta farlo con discrezione dentro casa?🤬🤬🤬 Vergogna! Le donne vanno rispettate e amate. Sempre❤️!”

Questa sera Salvini è andato a chiarire il concetto a “Roxy Bar Tv”, da Red Ronnie, e ha detto con riferimento al rapper Junior Cally che sarà tra i big a Sanremo 2020:

“Ma vi par normale che Junior Cally canti robe come: ‘Ammazziamo i Carabinieri, ci scopiamo Giusy Ferreri’, ‘Fanculo lo Stato’, ‘Ammazzo quella troia’. Sarà anche arte, ma a me pare una boiata. Mi auguro che ci sia in Rai qualcuno con un minimo di testa che tolga dal palco ‘sto tizio”

PROSEGUI LA LETTURA

La terribile gaffe di Salvini: “Mi vergogno di quel cantante che paragona donne come troie, violentate. Lo fai a casa tua, non in Rai” é stato pubblicato su Polisblog.it alle 21:29 di Monday 20 January 2020