100 secondi all’apocalisse: il Doomsday Clock segna l’ora più vicina della storia alla mezzanotte

0
51
Questo post è stato pubblicato qui
doomsday clock
(Foto: Eva Hambach/AFP via Getty Images)

Meno di due minuti alla fine del mondo. Le lancette del Doomsday Clock, l’orologio inventato per quantificare appunto il pericolo di una potenziale apocalisse e che viene aggiornato ogni anno, sono state appena spostate a esattamente 100 secondi dalla mezzanotte. A riferirlo sono stati gli esperti del Bulletin of the Atomic Scientists, secondo cui appunto il giorno del giudizio sarebbe sempre più vicino. O meglio, il più vicino di sempre, ossia da quando il Doosmaday Clock è stato creato nel 1947, all’inizio della Guerra fredda, quando segnava 7 minuti alla mezzanotte. “Mancano 100 secondi a mezzanotte”, commenta Rachel Bronson, presidente del Bulletin of the Atomic Scientists. “Ora stiamo esprimendo la vicinanza del mondo alla catastrofe in pochi secondi, non ore o addirittura minuti e stiamo affrontando una vera emergenza, una situazione assolutamente inaccettabile delle questioni mondiali che ha eliminato qualsiasi margine di errore o ulteriore ritardo”.

Nel documento ufficiale appena diffuso, gli esperti hanno evidenziato le due principali criticità che si devono affrontare con estrema urgenza sia dai leader mondiali che dai cittadini per salvare l’umanità e il nostro pianeta: le armi nucleari e i cambiamenti climatici. “Il mondo ha bisogno di svegliarsi. Il nostro pianeta affronta due minacce esistenziali simultanee”, ha sottolineato Mary Robinson, presidente di The Elders ed ex Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. Robinson ha sottolineato, inoltre, che i governi che non stanno riducendo le emissioni di gas serra, continuando così a sfruttare i combustibili fossili, stanno emettendo una vera e propria “condanna a morte per l’umanità”. E sebbene l’opinione pubblica stia mostrando un briciolo di speranza per un’azione mirata sul clima, non c’è invece la stessa intenzione da parte dei governi per evitare i rischi legati alle minacce nucleari. “Finché saranno disponibili le armi nucleari, è inevitabile che un giorno vengano usate, per caso, errori di calcolo o di progettazione”, ha sottolineato Robinson .

Ma i pericoli non finiscono qui. Secondo Robert Rosner, a capo del Science and Security Board del Bulletin of the Atomic Scientists, la disinformazione e le fake news stanno minando la fiducia nelle istituzioni politiche, nei media, nella scienza e nell’esistenza della realtà oggettiva e la capacità della società “di capire ciò che è vero e ciò che è palesemente falso”. Per non parlare del controllo sugli armamenti nucleari che rischia di estinguersi del tutto. “Nel mondo nucleare, i leader mondiali hanno minato diversi importanti trattati e negoziati sul controllo degli armamenti nel corso dell’ultimo anno”, si legge nel documento. “Creando, perciò, un ambiente favorevole a una rinnovata corsa agli armamenti nucleari, alla proliferazione delle armi nucleari e alla riduzione degli ostacoli a una guerra nucleare”. Infatti, i conflitti politici relativi ai programmi nucleari in Iran e in Corea del Nord non solo rimangono irrisolti, ma stanno peggiorando, mentre la cooperazione Usa-Russia sul controllo degli armamenti è ormai quasi inesistente.

E se da una parte la guerra nucleare rimane una minaccia, il riscaldamento globale continua a intensificarsi, da quando Trump ha deciso di ritirare gli Stati uniti dall’accordo di Parigi. “La consapevolezza pubblica della crisi climatica è cresciuta nel corso del 2019, in gran parte grazie alle proteste di massa da parte dei giovani di tutto il mondo”, si legge ancora nel documento. “Ma l’azione governativa sui cambiamenti climatici non è ancora all’altezza della sfida da affrontare. Alle riunioni del clima delle Nazioni Unite dell’anno scorso, i leader hanno tenuto discorsi eccellenti ma hanno presentato strategie limitate per abbassare ulteriormente le emissioni di anidride carbonica che stanno sconvolgendo il clima del nostro pianeta”. Questa limitata risposta politica, sottolineano gli esperti, è arrivata durante uno degli anni più caldi mai registrati, caratterizzato inoltre da innumerevoli incendi e dallo scioglimento sempre più rapido dei ghiacciai.

The post 100 secondi all’apocalisse: il Doomsday Clock segna l’ora più vicina della storia alla mezzanotte appeared first on Wired.