La prova della Ford Puma 1.0 EcoBoost Hybrid

0
133
Questo post è stato pubblicato qui

Ford Puma, la piccola coupé uscita dagli stabilimenti tedeschi alla fine degli anni ’90, si è trasformata in un crossover. Il passo più lungo e l’altezza da terra le conferiscono proporzioni da suv. Ma a dominare è sempre il carattere sportivo trasmesso dai cerchi in lega da 19 pollici, dalla pedaliera in alluminio e dallo spoiler dell’allestimento ST-Line. La linea del tetto –in cristallo– si fa bassa e inclinata regalando alla vettura una silhouette immediatamente riconoscibile.

Il cambio manuale a 6 rapporti regala una brillante esperienza di guida. Ford Puma è un crossover scattante e grintoso. Il merito va alla tecnologia EcoBoost Hybrid che migliora il motore a benzina da 1 litro. Il piccolo 3 cilindri –da 125 o 155 cavalli– infatti –oltre all’intervento del turbo compressore– è costantemente aiutato dallo starter/generetor elettrico che gli fornisce più coppia in fase di accelerazione.

Una soluzione Mild-Hybrid capace di riavviare il motore nelle fasi di stop&go in soli 300 millisecondi. Praticamente un battito di ciglia. Ma anche più attenzione al portafoglio. Insieme alla disattivazione automatica di uno dei tre cilindri, queste due soluzioni permettono a Ford Puma di percorrere 100 chilometri nel misto con meno di 6 litri di benzina. Si fermano invece a 133 i grammi di CO2 prodotti per chilometro. 

Crossover nell’aspetto e nella sostanza dato che è possibile impostare i parametri di acceleratore, sterzo, e controllo della trazione per modulare le prestazioni ai diversi scenari di guida. Un apposito tasto vicino all’immancabile leva del cambio permette di selezionare 5 diverse modalità di guida –ciascuna con un proprio layout grafico– in base alle condizioni stradali e meteorologiche.

Gli interni della nuova Ford Puma 1.0 EcoBoost Hybrid
Gli interni della nuova Ford Puma 1.0 EcoBoost Hybrid

Anche gli interni si arricchiscono di tanta tecnologia. Dall’animazione del Puma nel quadro strumenti da 12,3 pollici al display touch centrale. Da qui si controlla tutto l’infotainment del SYNC3. Oltre a offrire la ricarica wireless, Ford Puma diventa un hotspot wi-fi con connettività fino a 10 persone. Sportività sì, ma in totale sicurezza. Le 5 stelle Euro Ncap lo certificano insieme alla ricca dotazione del pacchetto Ford Co-Pilot. Trai sistemi di guida assistita il più apprezzabile è senza dubbio il Cruise control adattivo. Molto efficaci anche il rilevamento dei pedoni che potrebbero attraversare la strada e l’avviso di pericolo in tempo reale. 

Ultima chicca il Megabox. Uno spazio aggiuntivo di 80 litri ricavato nel piano di carico che estende la capacità del bagagliaio a 456 litri. I costi partono da 22.750 euro per la 1.0 EcoBoost 125 CV Start&Stop.

. 

The post La prova della Ford Puma 1.0 EcoBoost Hybrid appeared first on Wired.