Giorgia Meloni tra il convegno dei conservatori e il viaggio a Washington avverte Salvini: “Ci sono dei patti e vanno rispettati”

0
98
Questo post è stato pubblicato qui

Per Giorgia Meloni questi sono giorni molto impegnativi. Ieri ha partecipato, praticamente da padrona di casa, alla National Conservatism Conference, un convegno presso l’Hotel Plaza di Roma che va avanti anche oggi e a cui stanno prendendo parte tutti i principali sovranità d’Europa, da Viktor Orban a Marion Marechal Le Pen e anche il presidente del gruppo dei conservatori (Ecr) a Strasburgo Ryszard Legutko. Dovrebbe fare una capatina anche Matteo Salvini, ma voci di corridoio dicono che potrebbe dare forfait perché è impegnato al Sud, tra Sicilia e Puglia.

Su Orban e il suo rapporto complicato con il PPE, Meloni ha detto:

“Io credo che il fatto di aver sospeso la decisione su Orban sia un modo anche per il Ppe di chiarirsi al suo interno. Il Ppe, infatti, è diviso tra chi vuole un’alleanza verso destra e chi vuole un’alleanza verso sinistra. È spaccato e deve decidere cosa fare della sua vita….Se dovesse fare delle ‘scelte alternative è evidente che la famiglia naturale di Orban sarebbe quella dei Conservatori, dove siamo noi in Europa”

Ora Meloni è già Washington per prendere parte al National Prayers Day, molto caro ai conservatori americani e anche al Presidente Donald Trump. La leader di Fratelli d’Italia ha detto:

“Siamo noi, la destra, è la nostra storia, è il nostro Dna. La Lega? Ha fatto un percorso diverso, straordinario, ma nasce da altri presupposti, ora è un partito nazionale”

E sul suo impegno a Washington DC ha aggiunto:

“È importante avere buone relazioni con tutti. Fratelli d’Italia ha lavorato da tempo alla costruzione di una fitta rete di relazioni internazionali. E devo dire con buoni risultati: siamo in Europa, nell’Ecr. Abbiamo lavorato per costruire una rete di conservatori in Europa e confrontarla anche con i Repubblicani americani e tutti quei movimenti che condividono con noi sfide comuni”

E a proposito di Lega, Meloni manda un avvertimento a Matteo Salvini, con cui non è ancora d’accordo sulle candidature per le prossime elezioni regionali. A Radio24 stamani ha detto:

“Ci dobbiamo vedere con Salvini. Sono stati stipulati dei patti. E i patti, per me, non c’è bisogno di rimetterli in discussione. Noi li rispettiamo”

Sulla Toscana, per esempio, Giorgia Meloni ha spiegato:

“Il nome di Susanna Ceccardi è stato citato dalla stampa, ma onor del vero non è mai stato fatto tra di noi. Abbiamo delle idee, di nomi ne sono stati fatti tanti, quello della Ceccardi è nel novero delle possibilità, ma non è stato definito nulla. La Toscana è una delle Regioni per le quali bisogna rivedersi, è rimasta aperta. Escludo che Salvini abbia fatto patti con Renzi per regalargli la Toscana… Sono ricostruzioni giornalistiche…”

PROSEGUI LA LETTURA

Giorgia Meloni tra il convegno dei conservatori e il viaggio a Washington avverte Salvini: “Ci sono dei patti e vanno rispettati” é stato pubblicato su Polisblog.it alle 12:35 di Tuesday 04 February 2020