Renzi: “Loro possono rinunciare ai nostri voti, ma noi non rinunciamo alle nostre idee”

0
101
Questo post è stato pubblicato qui

Matteo Renzi oggi ha scritto un lungo sfogo sui suoi canali social che da una parte attacca gli opinionisti che, sui giornali e in tv, dicono che il suo partito, Italia Viva, destabilizza il governo, dall’altra cela qualche minaccia proprio nei confronti dell’esecutivo guidato da Giuseppe Conte. Minacce che ormai si susseguono quotidianamente. Renzi ha scritto:

“Sono mesi che cerchiamo di parlare di questioni importanti, di argomentare (insieme a migliaia di giuristi) il nostro no alla riforma Bonafede, di stimolare il Governo a far ripartire l’economia e il lavoro cominciando con lo sblocco dei cantieri. E invece di risponderci nel merito, che fanno? Inventano retroscena”

Poi è entrato più nel dettaglio:

“Parliamo di giustizia, di come garantire i diritti dei cittadini, di quanto sia cruciale evitare l’aumento dell’IVA vedendo ciò che accade in Giappone, della crescita zero ed in Tv i talk sono pieni di gente che discute di come scio. Le stesse testate che per una settimana hanno scritto ‘Avanti anche senza Renzi, in Parlamento ci sono i numeri’ e hanno passato le veline di Palazzo Chigi adesso che la spallata è fallita dicono: ‘Italia Viva destabilizza’”

Alla fine ha presentato la sua riflessione:

“Il pensiero unico nasce così. Da tanti opinionisti che ripetono senza approfondire la stessa cosa perché la verità sta antipatica. Eppure la verità è semplice. Loro possono rinunciare ai nostri voti se vogliono ma noi non possiamo rinunciare alle nostre idee. Perché questa è la bellezza della politica: le idee Vogliono continuare con lo stillicidio di fake news e dispettucci? Facciano pure. Io non mi arrendo e continuo a stare sempre dalla stessa parte: quella dell’approfondimento, dello studio, della politica. Prenderò forse meno voti, ma non diventerò populista. Mai”

PROSEGUI LA LETTURA

Renzi: “Loro possono rinunciare ai nostri voti, ma noi non rinunciamo alle nostre idee” é stato pubblicato su Polisblog.it alle 12:22 di Tuesday 18 February 2020