Psicologia: perché è importante avere un partner ottimista?

0
75
Questo post è stato pubblicato qui

Avere un partner ottimista tiene alla larga il rischio di demenza, Alzheimer e quello di declino cognitivo. A suggerirlo è un nuovo studio condotto dai membri della Michigan State University e pubblicato sulle pagine del Journal of Personality, secondo cui coloro che sono ottimisti contribuiscono a migliorare la salute dei propri partner in tanti modi diversi.

Noi trascorriamo molto tempo insieme ai nostri partner, e loro potrebbero incoraggiarci a fare esercizio fisico, a mangiare in modo più sano o a ricordarci di assumere le nostre medicine.

Avere un partner ottimista e in salute può dunque tradursi in dei comportamenti più sani anche per noi. Questo perché un partner ottimista potrebbe incoraggiarci a mangiare un’insalata o a fare sport per sviluppare degli stili di vita più sani. Ad esempio, se decidessimo di smettere di fumare o di cominciare ad allenarci, il nostro partner potrebbe seguire l’esempio entro qualche settimana o qualche mese.

Abbiamo scoperto che quando si esaminano i fattori di rischio per prevedere malattie come l’Alzheimer o la demenza, molti di essi sono collegati a uno stile di vita sano. Mantenere un peso sano e svolgere attività fisica sono grandi predittori. Sembra che le persone sposate con partner ottimisti tendano a registrare punteggi migliori.

Per il loro studio, gli esperti hanno seguito un campione di quasi 4.500 coppie, ed hanno osservato un potenziale legame tra l’essere sposati con una persona ottimista e la prevenzione del declino cognitivo.

Ma l’ottimismo si può davvero apprendere? Secondo gli autori, la risposta a questa domanda potrebbe essere si. Se è vero che, per certi versi, ottimisti si nasce, è infatti altrettanto vero che le persone hanno il potere di cambiare la propria personalità, purché scelgano di impegnarsi seriamente in questo importante e profondo percorso.

via | ScienceDaily

Foto da Pixabay

Psicologia: perché è importante avere un partner ottimista? pubblicato su Benessereblog.it 20 febbraio 2020 17:07.