La vendita del dominio .org arriva al traguardo

0
121
Questo post è stato pubblicato qui

ethernet internet

La vendita del dominio .org sembra in dirittura d’arrivo. Nel caso che il processo d’acquisizione del Public Interest Registry (Pir) andasse a segno, Ethos Capital, il fondo di investimenti che vuole acquisire il dominio, si è impegnato, come riporta Business Wire, a imporre limiti ai prezzi, salvaguardare i contenuti dalla censura e proteggere i dati personali degli utenti.

Dopo le polemiche sull’acquisizione del dominio .org da parte di una società a scopo di lucro, il fondo ha deciso di modificare l’accordo che il Pir ha con l’Internet corporation for assigned names and numbers (Icann, che gestisce l’assegnazione dei domini). Queste regole si applicheranno a .org indipendentemente da chi acquisterà il dominio. Per questo l’Icann sta riesaminando l’acquisizione dopo che agli inizi di gennaio aveva chiesto maggiore trasparenza sull’accordo in corso.

Le regole modificate da Ethos Capital prevedono un aumento massimo del 10% dei prezzi di registrazione o rinnovo facendo così diventare .org uno dei pochi domini di primo livello ad avere una limitazione dei prezzi, che lo renderà uno più convenienti al mondo. Un compromesso per onlus e non profit, che chiedevano di mantenere la gratuità. Inoltre il fondo ha proposto la creazione di un consiglio di controllo, l’Org Stewardship Council, che monitorerà l’attività del gruppo e potrà esercitare diritto di veto su tentativi di censura o uso inappropriato dei dati degli utenti.

Infine la società si impegnerà nella creazione di un fondo comunitario per fornire sostegno alle iniziative approvate dal consiglio e a pubblicare annualmente un rapporto di valutazione sulla conformità del Pir. Fornite queste nuove regole il Pir ha concesso all’Icann tempo fino al 20 marzo 2020 per valutare se procedere o meno con la tanto agognata vendita del dominio.

The post La vendita del dominio .org arriva al traguardo appeared first on Wired.