Endometriosi: la mappa delle cicatrici e del dolore

0
60
Questo post è stato pubblicato qui

Georgie Wileman è una ragazza che combatte con l’endometriosi, una malattia dolorosa e limitante ma soprattutto difficile da diagnosticare. In media servono 10 anni per avere una diagnosi di endometriosi, a lei ne sono serviti 10, varie terapie sbagliate e cinque interventi chirurgici che hanno lasciato cicatrici e dolore. Georgie Wileman ha deciso di raccontare la sua vita con l’endometriosi tramite la fotografia, si è scattata degli autoritratti per far capire agli altri cosa si prova a convivere con questa patologia.

La fotografa Georgie Wileman si racconta con gli autoritratti da tanto tempo ma sta facendo parlare di sé in questi giorni per la sua partecipazione all’esposizione Taylor Wessing Portrait Prize alla National Portrait Gallery di Londra. Lo scatto si intitola semplicemente “2014-2017” e nella didascalia sotto c’è scritto: “Abbiamo bisogno di essere ascoltati, abbiamo bisogno di essere visti”. La foto è un pugno allo stomaco: le cicatrici sul suo addome collegate tramite dei segni di pennarello e con accanto scritte le date degli interventi.

L’endometriosi è dolorosa e non esiste una vera cura, forse solo la pillola riesce a dare sollievo, ma per quanti anni è possibile prendere la pillola? Possibile che non ci siano alternative all’asportazione chirurgica? L’endometriosi si verifica quando parti di tessuti dell’endometrio, la mucosa che copre l’interno dell’utero, migrano in altre zone del corpo. Di solito arrivano nelle zone più vicine come tube, ovaie, vescica, intestino, peritoneo, ma in alcuni casi anche nei polmoni e nel fegato.

Georgie Wileman ha dichiarato:

“Volevo provare a raccontare con le immagini la realtà di questa malattia. Per molte è paralizzante, si provano fitte simili a quelle che si hanno durante il ciclo, è un dolore costante che la maggior parte delle donne malate vivono giorno dopo giorno. Settimane e mesi si dissolvono le une negli altri; le medicine per il dolore offuscano la realtà dell’esistenza, abbastanza da dimenticare in molti casi che la vita sta continuando al di fuori da quelle mura. Il tempo scivola via come un brutto sogno che cerchi di dimenticare. la disperata speranza che si prova a ogni intervento chirurgico e a ogni nuova cura, e la consapevolezza schiacciante, quando non funziona. Il dolore fisico può farti sentire come se stessi impazzendo”.

Georgie Wileman

via | d repubblica

Foto | Georgie Wileman

Endometriosi: la mappa delle cicatrici e del dolore pubblicato su Benessereblog.it 26 febbraio 2020 18:57.