Perché non dovremmo mai toccarci la faccia con le mani sporche

0
163
Questo post è stato pubblicato qui

E’ più forte di noi: toccarci la faccia con le mani sporche è un’abitudine che, consapevolmente o meno, continuiamo a mettere in atto. Purtroppo, però, toccare occhi, naso e bocca con le mani non (appena) lavate può rappresentare il veicolo ideale per infezioni più o meno gravi, ed il coronavirus non fa eccezione. Ed allora, una buona abitudine per rimanere in salute è smettere di farlo.

Grattarsi il naso, strofinarsi gli occhi, mettere le dita in bocca: tutti – inevitabilmente – ci tocchiamo il viso, e smettere è veramente difficile nonostante l’emergenza degli ultimi tempi. Ma secondo i ricercatori, diffondere il messaggio secondo il quale, per ridurre il rischio di trasmissione dei virus sia necessario lavarsi le mani, non basta. Un monito mirato al viso sarebbe sicuramente più efficace.

Secondo la dottoressa australiana Mary-Louise McLaws – professoressa di epidemiologia e controllo delle malattie infettive all’Università di New South Wales a Sydney – le mucose degli occhi, del naso e della bocca sono il veicolo ideale per Covid-19, SARS ed altre infezioni. Ed il numero di volte in cui le tocchiamo con le nostre mani – verificato in seguito ad uno studio condotto dalla stessa – è preoccupante: durante una lezione, nel giro di un’ora, gli studenti si sono toccati il ​​viso una media di 23 volte. E non è il solo studio in merito: altri, effettuati in ufficio, o su vagoni di treni e metropolitane, hanno rivelato risultati simili.

Ora, nonostante non sia ancora stato completamente inquadrato, è stato appurato come il Coronavirus riesca a sopravvivere sulle superfici fino a nove giorni in condizioni ideali, molto più a lungo del virus di una comune influenza che, in genere, non vive più di un giorno. In linea generale, un virus sopravvive più a lungo su superfici lisce e non porose in metallo e plastica: viene da sé come pomelli, pulsanti, maniglie, ringhiere (tutti oggetti che quotidianamente tocchiamo più volte), possano ospitarne diversi. Se è vero che una volta sulle mani un virus perde gran parte della sua potenza, gliene resta un buon 40%, quello utile per passare, quando ci tocchiamo il viso con le mani, alle nostre mucose. 

Alla luce di quanto premesso, quindi, il messaggio è chiaro: oltre che una buona pratica igienica, lavarsi bene le mani ma, soprattutto, non usarle per toccarsi il viso, è di fondamentale importanza per la sicurezza propria ed altrui. Un dato a favore di tale tesi è che il frequente lavaggio delle mani  durante l’epidemia della SARS ha ridotto il rischio di trasmissione dal 30 al 50 %.

Tra i consigli per ridurre il numero di volte in cui ci tocchiamo il viso (abitudine, come premesso, dura ad andarsene), c’è quella di utilizzare un fazzoletto se si sente l’esigenza di toccarsi il naso, o di usare gli occhiali in modo da rendere meno agevole strofinarsi gli occhi o, ancora, indossare dei guanti.

Perché non dovremmo mai toccarci la faccia con le mani sporche pubblicato su Benessereblog.it 03 marzo 2020 08:50.