Recensione Dyson V11, l’aspirapovere senza filo che riconosce le superfici

0
141
Questo post è stato pubblicato qui

Il nome dell’aspirapolvere Dyson V11 deriva dalla sigla del suo motore digitale, il V11 appunto. Una specifica doverosa dato che il motore rappresenta per l’azienda inglese il cuore di ciascun prodotto ideato nel centro ricerche di Malmesbury nel Wiltshire. Qui, tra l’altro, ha sede anche il Dyson Institute per la formazione di nuovi ingegneri.

Come è fatto

La prima qualità da ricercare in un buon aspirapolvere è la sua potenza aspirante che si misura in AW cioè Air Power. Attenzione a non confonderla con la potenza elettrica, espressa invece in Watt. Nel caso di Dyson V11, la massima potenza aspirante è pari a 185 AW. Questo dato lo pone sul gradino più alto del podio degli aspirapolvere cordless e davanti a molti aspirapolvere a filo. La sua potenza elettrica si attesta a 545 Watt garantiti da un pacco di batterie al litio a 7 celle da 25,2 Volt nominali e 3600 mAh. La stessa tipologia di quelle montate sulle auto elettriche con i catodi al Nichel, Colbato e Allumino. Quindi migliore capacità, resistenza agli urti e alle alte temperature, infine cicli di ricarica e scarica maggiorati. Altra soluzione interessante è la configurazione in linea di motore, contenitore e struttura a cicloni. Ciò gli consente di aspirare l’aria direttamente dalla spazzola ai cicloni in linea retta. A controllo di tutto c’è il sistema di monitoraggio intelligente. Il microprocessore di Dyson V11 monitora infatti la velocità e la performance del motore 8000 volte al secondo per adattare il rilascio di potenza.

Il set Dyson V11 Absolute Pro
Il set Dyson V11 Absolute Pro

Cicloni e filtri

14 cicloni disposti in modo concentrico creano la forza centrifuga che spinge nel contenitore le particelle microscopiche di polvere. Ma prima di uscire dall’aspirapolvere, l’aria passa in un sistema di filtrazione permanente capace di catturare il 99,97% delle particelle di dimensioni fino a 0,3 micron. Il filtro può essere lavato tutte le volte che si vuole per mantenere al massimo la sua efficienza. In pratica, Dyson V11 espelle aria più pulita di quella si respira. Inoltre, dopo aver scaricato la sporcizia nel cestino, il sistema di pulizia del contenitore, essendo trasparente, può essere sganciato dal corpo centrale e lavato. Idem per il filtro.

Tre spazzole per ogni utilizzo

L’allestimento Dyson V11 AbsolutePro in prova (si riconosce per la colorazione dorata dei cicloni e del tubo di aspirazione) ha in dotazione 3 spazzole: la High Toque per ogni tipo di superficie, quella a rullo morbido per i pavimenti più le superfici delicate come il parquet e la mini turbo per le piccole superfici. In particolare, quella multiuso è dotata di tecnologia Dyson Dynamic Load Sensor che permette all’aspirapolvere di gestire in modo automatico l’equilibrio tra autonomia e potenza della spazzola a seconda dei diversi tipi di superficie. Quando il sensore DLS riconosce il cambiamento di superficie, per esempio passando dal pavimento al tappeto, il motore V11 fornisce maggiore potenza per spingere le setole della spazzola in profondità. E sempre la spazzola High Torque ha un motore digitale integrato che ruota 60 volte al secondo. In questo modo le setole rigide in nylon penetrano tra le fibre dei tappeti per eliminare lo sporco difficile. Mentre i filamenti in fibra di carbonio rimuovono la polvere fine dai pavimenti senza creare cariche elettrostatiche.

Il led dell'aspirapolvere senza fili Dyson V11 nella modalità ECO e i tempi di durata aggiornati in base all'uso
Il led dell’aspirapolvere senza fili Dyson V11 e i tempi di durata aggiornati in base all’uso

Praticità

Essere senza filo offre a Dyson V11 un’ampia versatilità: casa, auto, barca, ecc. Molto utile anche lo schermo lcd che riporta la performance in tempo reale e segnala eventuali problematiche, come il filtro non agganciato bene.  Se si hanno grandi superfici da aspirare, il consiglio è di tenerlo nella modalità Eco per avere un’autonomia superiore a 60 minuti. Diversamente, nella modalità automatica, varia la potenza aspirante in base alle superfici, e di conseguenza anche la durata ben visibile sullo schermo. Le tempistiche rilevate sono comunque conformi a quelle dichiarate dalla casa. Sui pavimenti: 5 min in massima potenza; 40 minuti in modalità Auto; 60 minuti in modalità Eco. Sui tappeti: 10 minuti in massima potenza; 18/20 minuti in modalità Auto; 45 minuti in modalità Eco. Interessante anche il grilletto a rilascio istantaneo. Pur non avendo un tasto per lasciare acceso l’aspirapolvere, questo accorgimento serve a non sprecare nemmeno un secondo della ricarica. Inoltre è molto sensibile e non necessita di una grande pressione per attivarlo.

La spazzola Fluffy a rullo morbido
La spazzola Fluffy a rullo morbido

Rumorisità

Sebbene il mio cane si sia svegliato all’avvio di Dyson V11, anche la rumorosità è stata sottoposta a un’attenta ricerca. L’innovazione parte proprio dal motore che è sprovvisto delle rumorose spazzole al carbonio. Inoltre, sempre sull’asse del motore è presente un triplo diffusore che regolarizza il flusso d’aria e mantiene bassi i livelli sonori. Un fastidio attutito dal materiale acustico d’isolamento che assorbe le vibrazioni generate dal passaggio dell’aria. Abbiamo poi il filtro post-motore che attutisce il suono. E per finire uno schermo acustico che isola la sorgente sonora. Parlando di rumorosità, nella prova pratica ho trovato la spazzola High Toque un po’ rumorosa. Ciò però non dipende dal meccanismo in sé, ma dall’interazione col pavimento. Quindi per non sminuire il lavoro d’insonorizzazione degli ingegneri, se non si hanno tappeti in casa, consiglio di utilizzare la spazzola fluffy a rullo morbido. Funziona molto bene su tutte le superfici dure e su parquet.

Ultime considerazioni e prezzo

Il peso di tre chilogrammi è ininfluente nella modalità scopa elettrica, quando cioè vengono montate le spazzole. Tra l’altro, la scelta di aver spostato il peso verso l’alto, annulla l’effetto pendolo comune a tutte le scope elettriche. Certo, Dyson V11 risulta un po’ più pesante se lo si usa con gli accessori corti, ma il buono, si ottiene spesso con le soluzioni di compromesso. Inoltre, fino al 12 aprile, Dyson V11 Absolute Pro completo di tutti gli accessori è proposto a 579 euro compreso incentivo di 100 euro. Trenta euro in meno per la versione Absolute con qualche accessorio in meno.

Voto: 8,5

Wired

Molto pratico e potente. Grande attenzione ai dettagli, come lo snodo Up Top per pulire sopra gli armadi (immagine nella gallery). Sistema di assistenza telefonico rapido ed efficiente.

Tired

Utilizzato con gli accessori risulta pesante. In modalià Eco dura molto  di più ma raccoglie molto di meno.

The post Recensione Dyson V11, l’aspirapovere senza filo che riconosce le superfici appeared first on Wired.