#ioleggoacasa tra incontri virtuali con gli scrittori e consigli su misura via social

0
121
Questo post è stato pubblicato qui
(Foto: Pexels)

Da #iorestoacasa a #ioleggoacasa (hashtag lanciato dalla book blogger Giulia Ciarapica) il passo può essere breve. Tanti italiani, infatti, si sono ripromessi di sfruttare il periodo di isolamento da coronavirus per fare quello che ci si racconta di non aver mai il tempo di fare: leggere.

In un paese in cui solo il 40,6 per cento degli abitanti legge (dati Istat riferiti al 2018, gli ultimi disponibili), l’idea di evadere della quarantena divorando le pagine di un libro può sembrare un’utopia. Eppure, complici i social, vogliamo credere che sia possibile. Da Facebook a Instagram, si sono moltiplicate le iniziative per consigliare e condividere letture. Ne abbiamo raccolte alcune a cui vale la pena dare un’occhiata. Per poi recuperare i titoli, c’è ovviamente la consegna a domicilio dei colossi stile Amazon e delle librerie indipendenti, ma anche i cataloghi gratuiti messi a disposizione da biblioteche e associazioni.

Gli incontri virtuali

L’iniziativa più imponente si chiama Decameron – una storia ci salverà, festival digitale che ospita su Facebook un gran numero di presentazioni e incontri con gli autori. La pagina della casa editrice La nave di Teseo, invece, accoglie video in cui gli autori leggono alcune parti dei propri libri (hashtag #iorestoaleggere). Ci sono poi le video-presentazioni del festival Una montagna di libri e della libreria indipendente di Milano Verso, che su Instagram propone l’iniziativa #versole19 (ogni giorno, alle 19, un video che vede protagonista un autore e un libro).

(Foto: Pexels)

I consigli degli esperti

Per guidare chi vorrebbe darsi alla lettura ma non sa bene da che parte cominciare, scendono in campo scrittori e scrittrici, addetti ai lavori e librai. Tra i profili Instagram da seguire per trovare spunti e indicazioni: Sos Lettura (nato all’inizio dell’isolamento) che raccoglie video-suggerimenti di scrittori e scrittrici, tra i quali Marco Missiroli, Diego De Silva, Ilaria Bernardini…, e la pagina Facebook BeBookers, realtà impegnata nell’organizzazione di eventi legati alla lettura.

Il Salone del libro di Torino, spostato proprio in queste ore a data da valutarsi (non più dal 14 al 18 maggio), ha raccolto consigli e brevi letture d’autore con l’hashtag #SalToConTe. E, sempre da Torino, arrivano i suggerimenti del Circolo dei lettori, con le segnalazioni degli autori sotto l’etichetta Gli indispensabili – beni primari culturali.

Le dritte su misura

L’account Ig Le Ragazze Book Club ha messo a punto una sorta di questionario per poter consigliare a chi è chiuso in casa il libro più adatto ai gusti di ognuno. Lo trovate nelle storie in evidenza dal titolo #40libri (la campagna si chiama Quaranta libri in quarantena): a seconda del risultato, ci sono dritte ad hoc. Anche la booktuber Julie Demar ha raccolto le richieste dei suoi follower e ha creato un video con suggerimenti a seconda dei vari gusti letterari.

Il club del libro e qualche #challenge

Non c’è viralità senza challenge (cioè sfida): su Instagram il profilo #ioleggoacasa invita a taggare gli amici per condividere suggerimenti di lettura durante la quarantena. Nelle social street e nella librerie fioriscono, infine, le iniziative per creare club del libro virtuali, in cui si legge tutti lo stesso titolo e lo si commenta insieme. Vi segnaliamo, a questo proposito, l’appuntamento con il Bestiario letterario della libreria-caffetteria Colibrì di Milano: mercoledì 25 marzo, alle 19, si parla de Il velo dipinto di William Somerset Maugham.

The post #ioleggoacasa tra incontri virtuali con gli scrittori e consigli su misura via social appeared first on Wired.