La maniglia che evita il contatto tra mano e porta

0
245
Questo post è stato pubblicato qui

Dopo mascherine e visiere, la stampa 3D coinvolge le maniglie delle porte, l’azienda belga Materialise che ha ideato un apriporta in grado di aprire e chiudere i punti di passaggio senza che le mani entrino in contatto con le maniglie. Queste ultime sono tra gli elementi più insidiosi per la diffusione del coronavirus, ma il punto forte della maniglia anti-contatto è la semplicità, intesa sia per la realizzazione, sia per l’installazione. Sono bastate 24 ore al team della società per creare, testare e certificare il prodotto, formato da due pezzi stampati in 3D più le viti che occorrono per fissare entrambi sulla maniglia esistente (nessun foro da fare, quindi, e nessuna maniglia da rimpiazzare). In tal modo, come mostra la clip qui sopra, la porta si apre non più con le mani ma con una parte dell’avambraccio, protetta da camicia, maglione, giacca o cappotto che si indossa al momento e che, quindi, mette al sicuro da eventuali contagi.

Il primo modello stampato è dedicato alle maniglie cilindriche e, in attesa della variante universale, chi dispone di una stampante 3D può scaricare gratuitamente il disegno condiviso da Materialise, stamparlo e applicarlo alla propria maniglia nel giro di mezza giornata. Chi invece non ha una stampante può comunque ordinare la maniglia alternativa qui, con un doppio kit al prezzo di 40 euro.

The post La maniglia che evita il contatto tra mano e porta appeared first on Wired.