Coronavirus, perquisizioni al Pio Albergo Trivulzio e altre Rsa: sequestrati atti e referti

0
109
Questo post è stato pubblicato qui

La Guardia di Finanza di Milano questa mattina ha svolto delle perquisizioni presso alcune Rsa del milanese, tra queste anche il Pio Albergo Trivulzio e l’istituto Don Gnocchi, nei quali ci sono state circa 300 morti. Il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano sta guidando un’inchiesta per omicidio colposo ed epidemia colposa ed è indagato il direttore generale del Trivulzio, Giuseppe Calicchio.

Secondo quanto appreso dagli inquirenti, che stanno cercando di verificare eventuali carenze nei protocolli interni alle Rsa e nei dispositivi di sicurezza, alcuni operatori sanitari impiegati in quegli istituti avrebbero denunciato la mancanza di dispositivi di protezione individuale come le mascherine. Inoltre sarebbero stati addirittura invitati a non indossarle “per non creare allarmismi”. Tuttavia una novantina di medici del Pio Albergo Trivulzio hanno scritto in una lettera che le mascherine sono state messe a disposizione già dal 23 febbraio.

Il picco di decessi presso le Rsa milanesi si è registrato all’inizio di aprile. La squadra di polizia giudiziaria guidata da Maurizio Ghezzi è entrata anche negli ufficio della Sacra Famiglia di Cesano Boscone e in una residenza a Settimo Milanese. La Guardia di Finanza si sta occupando delle sedi del Pat. Le attività di perquisizione potrebbero andare avanti per tutta la giornata.

PROSEGUI LA LETTURA

Coronavirus, perquisizioni al Pio Albergo Trivulzio e altre Rsa: sequestrati atti e referti é stato pubblicato su Cronacaeattualita.blogosfere.it alle 09:45 di Tuesday 14 April 2020