5 serie a fumetti ideali per il binge reading

0
159
Questo post è stato pubblicato qui

Tra i tanti dubbi sulla fase 2 dell’isolamento da coronavirus, una cosa è certa: ci vorrà ancora un po’ di pazienza prima di tornare alla normalità. E nel frattempo, tutti a casa in cerca di modi per passare il tempo. Dopo le grandi graphic novel da leggere tutte d’un fiato, i documentari sul magico mondo della nona arte, e i webcomic da gustarsi senza uscire di casa, ecco 5 serie a fumetti, già concluse, per un binge reading dall’inizio alla fine.

1. Tokyo Ghoul, di Sui Ishida 

In una Tokyo alternativa, i Ghoul, non morti cannibali e mostruosi, camminano in segreto tra gli umani. Il giovane studente Ken Kaneki ha un appuntamento con la bella e dolce Rize Kamishiro, che però si rivela essere una creatura della notte. Aggredito e ridotto in fin di vita, Ken è salvato da una procedura chirurgica che lo trasforma in un mezzo-ghoul. Inizia così un nuovo capitolo nella vita del ragazzo, che ora dovrà imparare a vivere al fianco delle creature che tanto lo terrorizzavano, nascondendo la propria doppia natura dagli umani, e cercando di contenere l’istinto omicida e cannibale che minaccia di dominarlo.

Tokyo Ghoul è un manga horror dai toni splatter e sanguinari che ha riscosso grande popolarità in Giappone e in Italia. Come spesso accade in questi casi, ha dato vita a una serie anime di pari successo e anche a un seguito, Tokyo Ghoul: Re, ambientato dopo la fine della prima serie e incentrato sulle vicende del misterioso Haise Sasaki, capo di un’unità speciale di cacciatori di Ghoul. In Italia, il manga è edito da J-Pop; la serie originale consta di 14 volumi mentre il seguito ne conta altri 16 (192 pp, 5,90 euro cad.): insomma, c’è di che leggere.

2.  Orfani, di Roberto Recchioni, Emiliano Mammucari, Aa. Vv.

In un futuro remoto ma non troppo, la Terra è stata devastata da un improvviso attacco alieno, condotto a distanza tramite un’arma energetica che ha messo in ginocchio le nazioni del pianeta. Un gruppo di bambini sopravvissuti al cataclismatico evento, tutti orfani di guerra, viene radunato e lanciato in uno spietato addestramento all’insegna della sopravvivenza dei migliori. La scienziata Jsana Juric e il colonnello Takeshi Nakamura mirano a creare un gruppo di supersoldati, forgiati dalle asperità, per guidare la controffensiva e rispondere all’attacco alieno. L’incipit del più classico romanzo di fantascienza bellica, con evidenti ispirazioni da grandi classici come Il gioco di Ender Fanteria dello Spazio, lascia spazio, con l’avanzare della saga, a un’avvincente storia di amicizia, amore e tradimenti, con alcuni colpi di scena che è meglio non anticipare.

Chi non avesse seguito la saga in edicola, uscita dopo uscita, nel tradizionale formato degli albi di Sergio Bonelli, può recuperarne le prime tre stagioni (Orfani, Ringo e Nuovo Mondo) e leggersele tutte d’un fiato nelle raccolte in volume per le edizioni Bao Publishing (12 volumi, 3 per stagione, 352 pp, 27 euro cad.), prima di passare alle miniserie Juric, Terra e Sam.

3. Great Teacher Onizuka, di Toru Fujisawa

E ora, qualcosa di fuori dalle righe, per far risalire l’indicatore del buon umore. Eikichi Onizuka, 22 anni, celibe (come lui stesso ama presentarsi), è stato membro di una delle più famigerate bande di teppisti motorizzati del Giappone. Ma gli anni delle scorrerie sono ormai alle spalle e, grazie a molta faccia tosta e qualche trucco, Onizuka riesce prima a conquistare un diploma, e quindi a farsi assumere come insegnante in una scuola media privata. Il suo obiettivo, inizialmente, è sfacciatamente criminale: utilizzare la propria influenza per attaccare bottone con le studentesse più attraenti o, ripensandoci, con le loro più mature genitrici. Ma l’incontro tra una classe problematica di ragazzini bullati, tormentati, irrequieti, frustrati e il leggendario ex-teppista genera un risultato esplosivo. Il buon (?) Onizuka scopre di avere una coscienza e abbandona presto i propositi meno nobili, decidendo di diventare il più grande insegnante che si sia mai visto in Giappone: il Great Teacher Onizuka, per l’appunto.

Al di là della premessa surreale e delle tante scene cariche di umorismo nipponico, il successo di Gto risiede nella capacità di ritrarre con toni leggeri le tante sofferenze e incomprensioni degli adolescenti giapponesi, schiacciati tra le aspettative della società e dei genitori e un ecosistema di compagni di classe spesso bulli e despotici. Edito in Italia da Dynit, con un’edizione deluxe in 13 volumi (400 pp cad., 7,90 euro cad.) e un cofanetto che li raccoglie tutti (85 euro).

4. The Walking Dead, di Robert Kirkman, Tony Moore, Charlie Adlard

In un mondo sconvolto da un virus misterioso, i sopravvissuti devono cercare riparo in luoghi sicuri, tenendosi ben lontani da quelli che si rivelano essere i nemici più pericolosi: gli altri esseri umani. Ma torniamo a parlare di fumetti. Come non consigliare, in questo periodo di isolamento e quarantena, di trascorrere ore e ore immersi nell’avvincente lettura dell’epopea zombie di Walking Dead? La storia ormai è nota: un gruppo di sopravvissuti all’apocalisse zombie cerca di ricostruire una società in nuce. Il marchio di fabbrica che ha distinto l’opera di Kirkman sono sicuramente le morti sconvolgenti e gli eventi atroci che avvengono nei 194 numeri che compongono la saga.

Lasciate perdere la serie tv, al binge watching è molto meglio il binge reading dei 32 magistrali volumi a fumetti (Saldapress, 224 pp, 13,90 euro cad.).

5. Star Wars, Aa. Vv.

Il binge reading definitivo, per uscire stremati dalla quarantena (attenzione: vale anche per il portafoglio). La mitica serie a fumetti degli anni ’80, la più longeva in assoluto tra tutte le opere ambientate nell’universo espanso (non più canonico) di Star Wars, è interamente raccolta in 5 volumi Omnibus editi da Panini Comics (450-550 pp, 49 euro cad.). Prepariamoci a reincontrare Luke Skywalker, Han Solo, la principessa Leia Organa, Chewbecca e tutti gli altri mitici protagonisti della serie, qui ben più giovani che non nei sequel di J.J. Abrams, più un’infinità di comprimari, avversari, pianeti, alieni e droidi tali da far impallidire la creatività di George Lucas in persona, con tantissime storie e saghe firmate da sceneggiatori del calibro di Chris Claremont. E se il salto nel passato non vi basta (o non vi ispira), c’è anche tempo per uno sguardo più moderno ai personaggi classici, con l’omnibus dedicato alla nuovissima saga di Stuart Immonen, Jason Aaron, John Cassaday, Simone Bianchi e Mike Deodato (1.192 pp, 89 euro).

 

The post 5 serie a fumetti ideali per il binge reading appeared first on Wired.