Con le Super Magic Box antispreco si smaltiscono i generi alimentari rimasti invenduti durante il lockdown

0
140
Questo post è stato pubblicato qui
(Foto: Too Good To Go)

Obiettivo: non sprecare. Il lockdown per l’emergenza coronavirus lascia i magazzini pieni di generi alimentari che rischiano di essere buttati. Se è vero che gli italiani hanno fatto di più la spesa (lo dice tra gli altri l’osservatorio Waste Watcher, che registra anche un comportamento virtuoso in cucina poiché non sono aumentate le quantità di cibo gettato), è altrettanto vero che i ristoranti e i bar hanno tenuto le serrande abbassate per oltre due mesi. E le scorte dell’industria alimentare si sono inevitabilmente ingolfate.

Per cercare di ovviare al problema, l’app antispreco Too Good To Go (che permette di comprare, a un prezzo fortemente ridotto, box a sorpresa con alimenti vicini alla scadenza, dalle brioche di giornata dei panettieri alla frutta ormai matura degli ortolani) ha pensato di aiutare le aziende a svuotare i magazzini con il progetto Super Magic Box. Vale a dire confezioni che contengono prodotti misti, in arrivo direttamente dai depositi di aziende come Danone, Fine Food Group e Dolcitalia, da comprare con un risparmio del 70 per cento.

(Foto: Too Good To Go)

“La quantità di cibo rimasta nei magazzini italiani è impressionante. Si tratta di alimenti, solitamente destinati alla ristorazione, con una shelf-life (data di scadenza, ndr) dai tre ai sei mesi”, spiega Eugenio Sapora, country manager Italia di Too Good To Go. “Dopo il lungo lockdown, questi prodotti si avvicinano inevitabilmente a scadenza: perciò abbiamo messo a disposizione la nostra app e la nostra rete di esercenti e waste warriors per salvare quanto più cibo possibile e allo stesso tempo aiutare economicamente tante realtà che hanno subito gli effetti della crisi”.

L’iniziativa, per il momento, è attiva a Milano, Roma e Bergamo. In queste città circa 150 negozi che già aderivano alla rete Too Good To Go si sono resi disponibili a fare da pick up point per queste confezioni-sorpresa speciali. Per individuarli, basta cercare nell’app i nomi delle aziende coinvolte: Danone, che mette a disposizione prodotti come yogurt e latti fermentati, Fine Food Group, specializzato in cucina messicana, americana e tex-mex, e Gruppo Dolcitalia, utile per rifornire la dispensa con dolce e salato per colazioni e merende.

“In questo modo la filiera si integra e si supporta vicendevolmente: da una parte facendo sì che gli alimenti degli stock – che non possono essere venduti in altro modo – arrivino direttamente all’attenzione del consumatore, dall’altra riavvicinando in sicurezza e con cautela le persone agli esercizi commerciali di prossimità, conclude Sapora. Il tutto nel segno della lotta allo spreco alimentare.

The post Con le Super Magic Box antispreco si smaltiscono i generi alimentari rimasti invenduti durante il lockdown appeared first on Wired.