5 supereroi Dc Comics da conoscere (oltre ai soliti noti)

0
116
Questo post è stato pubblicato qui

Piccola grande rivoluzione in arrivo nelle edicole italiane. I supereroi Dc Comics, sinora editi in Italia da Rw Lion, passano ufficialmente in mano a Panini Comics. Andando così a unirsi ai loro concorrenti mascherati della Marvel Comics (che hanno appena compiuto 50 anni di pubblicazioni nostrane), ai topi e paperi della Disney, e a un buon numero di protagonisti di graphic novel e manga, tutti distribuiti in Italia dalla casa editrice modenese.

I primi albi Dc targati Panini arriveranno in edicola dal 4 giugno. Si parte con una salva di dieci numeri 1 nel classico formato spillato: le punte di diamante Batman e Superman avranno cadenza quindicinale, mentre Wonder WomanLanterna VerdeFlashAquamanHarley Quinn si aggiudicano un albo ogni mese. A questi si aggiungono due testate mensili speciali: Batman/Superman, dedicata (va da sé) al team-up tra i due, e Dc Crossover, che ospiterà le grandi saghe iniziando con il chiacchierato evento Leviathan. Non potevano mancare, ovviamente, le più classiche cover variant, in questo caso disegnate da 10 artisti italiani e ambientate in altrettante città del Belpaese. Alle pubblicazioni degli albi regolari si uniranno i volumi da libreria e fumetteria, tipicamente con omnibus, miniserie e raccolte di saghe.

Per chi è appassionato di supereroi ma non si è mai avvicinato alla Dc Comics, potrebbe essere il momento giusto per salire a bordo delle nuove testate. Per i fan di più lunga data si prospetta probabilmente qualche grattacapo dovuto alla sovrapposizione di ristampe, raccolte vecchie e nuove, formati differenti. Qual che è certo è che l’universo a fumetti Dc ha molto da offrire oltre ai canonici Batman, Superman, Wonder Woman, Flash e Lanterna Verde. Ecco 5 eroi iconici che sarebbe un peccato non conoscere.

1. Catwoman

Ladra, eroina, vigilante, madre, femme fatale, forte protagonista femminile: in 80 anni di onorata carriera, Catwoman è stato tutto questo e molto di più. D’altro canto, è appropriato che una donna gatto abbia quantomeno nove vite. Anche se ultimamente la sua popolarità è stata offuscata da personaggi più moderni come Harley Quinn, Selina Kyle resta il prototipo dell’antieroina charmante, e se a lungo è stata definita soltanto in funzione del suo essere nemica, alleata o amante di Batman, negli anni si è guadagnato una dignità autonoma nell’universo Dc. I

l merito va soprattutto a due cicli fondamentali nella storia del personaggio. Alle origini, negli anni ’40, Selina era poco più che una bella ladra, ma negli anni ’80 è stata reimmaginata da Frank Miller e David Mazzuchelli in Batman: Year One come una ex-dominatrice che, abbandonata la vita di strada, decise di guadagnarsi da vivere derubando i ricchi e corrotti di Gotham, proteggendo al tempo stesso le più vulnerabili vittime degli sfruttatori del mercato del sesso. Agli anni ’90 risale la prima serie a fumetti dedicata esclusivamente a Catwoman come protagonista principale, e in cui Selina è immortalata come intrigante ladra d’arte internazionale. La storia del personaggio è lunga e intricata: si va da una redenzione frutto di un lavaggio del cervello da parte dell’eroina Zatanna, al ruolo di madre di una bimba che potrebbe, o non potrebbe, essere figlia di Bruce Wayne,  sino alle annunciate nozze con il Cavaliere oscuro in persona.

2. John Constantine

John Constantine è un figlio degli anni ’80, e come tale ne incarna tuttora lo spirito, con il look trasandato da detective (letteralmente) maledetto e la sigaretta sempre penzoloni dal labbro, oltre che apertamente bisessuale. Creato dal leggendario Alan Moore, grande appassionato di occulto, sulle pagine di Swamp Thing nel 1985, Constantine, detective del paranormale, è al tempo stesso il personaggio più emblematico del lato arcano dell’universo Dc e un sano trapianto di spirito narrativo British nelle serie di supereroi Dc. Tant’è che le sue frequenti comparsate al fianco di personaggi canonici come Superman e Batman, spesso, risultano stonate, quasi fuori luogo. Constantine dà il meglio di sé quando è lasciato al suo mondo fatto di investigazioni occulte, maledizioni, demoni, diavoli ed elementali della terra. Un po’, in fondo, come il nostro Dylan Dog.

3. Cyborg

Povero Cyborg: il film dedicato alla Justice League non gli ha reso un buon servizio, tramutandolo in poco più che un modem per i pc di Bruce Wayne, come ci racconta il buon Leo Ortolani. Speriamo che la Snyder Cut in uscita su Hbo l’anno prossimo renda giustizia a quello che in realtà è, a tutti gli effetti, un peso massimo dell’Universo Dc.

Le origini di Victor Stone lo presentano come versione Dc del mostro di Frankenstein: un povero ragazzo vittima dei genitori, che sin dalla nascita lo utilizzarono come cavia per degli esperimenti genetici per accrescerne l’intelligenza. Come se non bastasse, i due genitori dell’anno ebbero la grande idea di aprire un portale dimensionale, dal quale ovviamente sbucò un mostro gelatinoso che prima divorò la madre, e poi dissolse metà del corpo di Victor. Il padre ricorse a mezzi estremi per salvare il figlio, trasformandolo in un vero e proprio cyborg con la capacità di collegarsi a qualsiasi macchina. La sua lunga militanza nei Teen Titans, e soprattutto la presenza nella Justice League di Geoff Johns nella serie New 52, hanno cementato il ruolo primario di Cyborg nell’universo Dc.

4. Black Canary

Black Canary è un prodigio delle arti marziali, in grado di sconfiggere in uno scontro a mani nude lo stesso Batman; inoltre, è dotata di un potente urlo sonico, ed è stata l’intrepida leader delle Birds of Prey, della Justice League e della lega degli assassini. Oltre a essere un personaggio forte, carismatico, deciso, è anche una delle prime supereroine Dc Comics al fianco di Wonder Woman, essendo apparsa già nel lontanissimo Flash Comics 86 del 1947. Nel corso degli anni, Black Canary è stata una delle colonne portanti dell’universo Dc, sebbene, nonostante il suo urlo, il suo ruolo sia stato più silenzioso e anonimo rispetto a quello di altri eroi ed eroine (anche se l’abbiamo vista sia al cinema in compagnia di Harley Quinn che sul piccolo schermo, grazie alla serie Arrow). La colpa risiede anche nelle contorte e poco convincenti origini del personaggio, rivisitate più e più volte senza arrivare a una soluzione convincente, tanto che persino l’alter ego di Black Canary ha cambiato diverse volte nome, ed è stato ribattezzato di volta in volta Dinah Drake-Lance, Dinah Laurel Drake, Dinah Laurel Lance, personaggi a un certo punto scorporati in una coppia madre-figlia e poi fusi di nuovo insieme.

5. Hawkman & Hawkgirl

Chi non ha familiarità con l’universo Dc è legittimato a chiedersi, la prima volta in cui si imbatte in Hawkman e Hawkgirl, se per caso non sia finito a leggere un vecchio albo di Flash Gordon. Non è una coincidenza: Hawkman compare negli anni ’40, un periodo più ingenuo anche per il copyright a fumetti, e il disegnatore originario Dennis Neville si ispirò senza problemi al costume degli uomini falco di Alex Raymond. D’altro canto la prima apparizione è su Flash Comics 1: peccato solo che il Flash in questione sia il velocista Dc, e non il Gordon eroe della fantascienza pop.

Sia qual che sia, il risultato è che l’aspetto di Hawkman e della sua compagna di sempre, Hawkgirl, risulta particolarmente colorito, iconico e riconoscibile anche per gli standard degli appariscenti supereroi Dc. In termini di storia, l’uomo falco in grado di volare grazie al metallo Nth è stato di volta in volta un principe egizio reincarnato, un alieno sotto mentite spoglie, un conquistatore e un poliziotto spaziale. Hawkgirl è la sua pari, ma a differenza dell’amato che accetta passivamente il suo ciclo di reincarnazioni, ha sempre lottato per svincolarsi dalle catene del destino.

 

The post 5 supereroi Dc Comics da conoscere (oltre ai soliti noti) appeared first on Wired.