Con Google Maps si può esplorare la Stazione spaziale internazionale

0
127
Questo post è stato pubblicato qui
Google Maps porta gli utenti in un tour virtuale della Stazione Spaziale Internazionale (foto: Google Maps)

Google varca i portelloni della Stazione spaziale internazionale (Iss) grazie a un tour virtuale caricato su Google Maps. Sono passate oramai due settimane dal lancio della navetta Crew Dragon della SpaceX, ribattezzata Endeavour durante la missione, che ha riportato sulla Iss un equipaggio lanciato dal suolo statunitense con una navetta di nuova generazione. Creata con la collaborazione di cinque diverse agenzie spaziali (Nasa, Esa, Roscosmos, Csa e Jaxa) l’Iss compie circa 15,5 orbite al giorno ed è un laboratorio modulare che viaggia a una velocità di circa 27.600 chilometri all’ora nell’orbita bassa del nostro pianeta.

Può ospitare al massimo 6 persone alla volta. Ma per poterla vedere dall’interno, pur senza essere degli astronauti, Google ha pensato di ricostruire per immagini un tour virtuale, usando la tecnologia della street view di Maps. A differenza degli astronauti, che per raggiungere la Iss devono essere lanciati in orbita, agli utenti del web basterà un semplice click per essere trasportati all’interno dei vari moduli della stazione orbitante.

Accedendo al tour virtuale da un dispositivo mobile è possibile sfruttarne i sensori di movimento per esplorare a 360 gradi l’interno della stazione. Da desktop basta utilizzare il mouse per interagire con il tour cliccare sui punti d’interesse al fine di apprenderne il funzionamento grazie alle note aggiuntive inserite da Big G.

Anche se solo in maniera virtuale Google fa rivivere l’esperienza vissuta in prima persona anche da astronauti italiani come Samantha Cristoforetti, Paolo Nespoli e Luca Parmitano e da tutti gli altri che hanno soggiornato, e soggiornano tutt’ora, sulla Iss. Per avere un’esperienza completa, prima di eseguire il tour, è possibile eseguire un attracco alla Stazione spaziale internazionale sfruttando il simulatore delle manovre di docking usato dalla SpaceX a bordo della sua navetta. Una volta parcheggiata correttamente la navetta si potrà salire a bordo della Iss, il tutto virtualmente.

The post Con Google Maps si può esplorare la Stazione spaziale internazionale appeared first on Wired.