La pizzeria di Firenze in cui si paga con i vinili

0
127
Questo post è stato pubblicato qui
La pizzeria Melloo a Firenze (foto: ufficio stampa)

Chi sostiene che con l’arte (e la musica) non si mangia dovrà ricredersi. A Firenze una pizzeria di appassionati di vinili lancia i pagamenti in Vinyl coin, appunto: dal 20 giugno si può saldare il conto utilizzando dischi usati anziché contanti, carte di credito o app.

La divertente idea arriva da Melloo, pizzeria aperta da un anno che ospita una collezione di vinili da ascoltare liberamente mentre si mangia. Proprio per ampliare la selezione, il titolare Massimo Mauceri ha pensato di dare la possibilità ai suoi clienti di monetizzare la passione per i dischi e usarla per pagare la pizza.

Il funzionamento è piuttosto semplice: chi vuole sfruttare l’iniziativa deve prenotare un tavolo online indicando nelle note la dicitura vinylcoin e presentarsi con i vinili sottobraccio. La valutazione del valore dei titoli viene fatta direttamente in pizzeria tramite il sito specializzato discogs.com, usato dalla maggior parte dei collezionisti, e la cifra viene scalata dal conto. Se il titolo risulta più prezioso di quanto si è consumato, si riceve un buono con la differenza da spendere successivamente.

“Al momento risulta essere la prima volta al mondo che viene introdotto un sistema di pagamento simile”, spiega Mauceri. “L’abbiamo ideato per raccogliere persone, dai toscani ai visitatori da tutto il mondo, che vivono il concetto di convivialità come condivisione di buon cibo e buona musica e che, ovviamente, sono appassionate di vinili. Noi aumentiamo i titoli in collezione e la scelta musicale, i clienti si vedono o scontare o offrire la cena, a seconda del valore dei dischi che hanno portato per la valutazione”.

L’iniziativa è attiva solo la sera (non per asporto e delivery) ed indirizzata ai seguenti generi musicali: blues, rocknroll, R&B, gospel, country, hard rock, jazz, swing, free & brasilian jazz, tropical, soul, funk, hip hop, rap, breakbeat, ska, reggae, rocksteady, bluebeat, dub, rockers, dj style, dancehall, dubstep, jungle, ragamuffin, bashment, soca, reggaeton….

The post La pizzeria di Firenze in cui si paga con i vinili appeared first on Wired.