Ecco i 17 vaccini contro il coronavirus già in studio sull’essere umano

0
50
Questo post è stato pubblicato qui
vaccini
(foto: Javier Zayas Photography via Getty Images)

La corsa al vaccino contro il nuovo coronavirus non si arresta. Sono infatti 17 i vaccini candidati, in tutto il mondo, già in corso di studio all’interno di trial clinici su volontari umani. E la lista si allunga continuamente per cui nelle prossime settimane potrebbero aggiungersi diversi nuovi vaccini, dato che i candidati totali, inclusi quelli ancora testati solo in laboratorio o sugli animali sono 150. Lo ha reso noto Maria Henao Restrepo, medico della R&D Blueprint dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), nella conferenza del 2 luglio 2020. Il vaccino noto come vaccino di Oxford, ChadOx1, realizzato in collaborazione con l’Italia, sta entrando nella fase 3, ma ci sono anche 5 vaccini nella fase 2 e gli altri 11 in fase 1. Ecco quali sono e le novità.

Per 15 di questi 17 vaccini, inoltre, conosciamo il design con cui sono creati, dato che gli scienziati hanno deciso di rendere pubblici i protocolli della loro realizzazione, come spiega l’esperta dell’Oms. Questo è un vantaggio perché si possono mettere a confronto le diverse modalità di costruzione del vaccino nei vari trial. Ancora non è possibile dire quando arriveranno, anche se l’arrivo del vaccino di Oxford, qualora andrà tutto bene, è stato annunciato per l’autunno 2020.

Il vaccino di Oxford

C’è il vaccino di Oxford, ChadOx1, che sta entrando nella fase 3, l’ultimo stadio della sperimentazione clinica in cui gli scienziati devono valutare e confermare efficacia e sicurezza del vaccino su un campione ancora molto vasto di persone. Questo vaccino è una versione indebolita di un comune virus causa di raffreddore negli scimpanzé, un adenovirus, geneticamente modificato in modo che non attacchi l’essere umano. A questo è stato aggiunto del materiale genetico del nuovo coronavirus – in particolare la parte che produce la proteina spike, di cui il Sars-Cov-2 si serve per entrare nelle cellule umane e infettarle. L’idea dei ricercatori, spiegata in una nota dell’università di Oxford, è che l’organismo possa sviluppare una risposta anticorpale contro la proteina spike e così riconoscere e contrastare l’ingresso del coronavirus. La sperimentazione coinvolgerà in tutto più di 10mila persone.

Gli altri vaccini

C’è poi Ad5-nCov, anche questo basato su un adenovirus (Ad5 sta per adenovirus di tipo 5) indebolito, che ha superato la fase 1 ed è ora nella seconda. Il candidato vaccino ha dimostrato di essere sicuro e di avere una qualche efficacia (ancora da confermare) nella fase 1 e 2, per la sperimentazione sui militari, come riporta Reuters, e per questo il 25 giugno ha ottenuto il via libera per l’uso esclusivamente in ambito militare.

Ma di vaccini contro Sars-Cov-2 in corso di studio sugli esseri umani ce ne sono tanti, qui si può scaricare l’elenco completo fornito dall’Oms. “Gli approcci utilizzati sono differenti”, spiega Restrepo dell’Oms, “ci sono vaccini a vettore virale, a mRna, a dna e proteici”. Ciò che cambia in questi approcci è il vettore e la modalità di somministrazione. Ad esempio c’è un vaccino, attualmente in fase 1-2, basato su dna sintetico che colpisce la proteina spike somministrato attraverso il metodo di elettroporazione, descritto in uno studio su animali su Nature: con questo metodo le cellule dell’organismo (dell’animale o della persona vaccinata) sono sottoposte a una stimolazione elettrica che induce nella cellula la formazione di pori (transitori) di alcuni nanometri, attraverso cui passano le molecole di dna e il vaccino raggiunge la sede.

Ovviamente la corsa al vaccino non deve portare in alcun modo ad abbassare gli standard di sicurezza ed efficacia richiesti e non si possono saltare gli step obbligatori della sperimentazione, come rimarca l’Oms. “Dalla discussione è emersa in questi giorni l’esigenza di procedere con rapidità”, ha sottolineato Soumya Swaminathan, dell’Oms, “ma anche con rigore, per dimostrare sicurezza ed efficacia dei candidati vaccini”.

The post Ecco i 17 vaccini contro il coronavirus già in studio sull’essere umano appeared first on Wired.