Le serie da guardare se sei già in “astinenza” da Dark

0
100
Questo post è stato pubblicato qui

I segreti di Winden, cittadina immersa nelle foreste della serie tedesca Dark, hanno tanto appassionato gli spettatori di Netflix da far diventare la produzione una delle più viste (la terza del mese di luglio) della piattaforma nel mondo. Le quattro famiglie coinvolte in un complicatissimo sistema di salti temporali tra passato (si torna indietro fino alla fine del XIX secolo) e futuro (si raggiunge la seconda metà del XXI secolo) e tra mondi paralleli hanno catturato una fascia di pubblico prevedibile – chi ama l’hard science fiction e gli small town mystery in primis – e un’altra, più vasta, che non bazzica la letteratura di genere e le sue declinazioni ma che è rimasta comunque affascinata dalle produzioni recenti di Netflix (come anche la nostrana Curon) incentrate su eventi apparentemente inspiegabili tra fantascienza e soprannaturale, famiglie che nascondono inquietanti segreti, il tema del doppio e l’eterna lotta tra parti e controparti che vogliono distruggere o salvare il mondo. Ecco, dunque, le serie con cui colmare il vuoto lasciato da Dark.

1. Fringe

https://www.youtube.com/watch?v=LBWj1sdb3No

Diffusa tra il 2008 e il 2013, Fringe è una delle migliori produzioni su universi paralleli e paradossi temporali  (in più c’è Joshua Jackson), nonché una delle numerose serie concepite, lanciate e prodotte da J. J. Abrams (e dallo stesso abbandonate al proprio destino). Per fortuna, perché gli sceneggiatori Orci & Kurtzman hanno trasformato un prodotto che per la prima quindicina di puntate seguiva il format verticale del “monster of the week sulla scia di X-Files per diventare poi un’intricata (ma mai quanto Dark) narrazione fortemente orizzontale sul concetto del “mirror universe”, dell’universo dello specchio. Walter Bishop, scienziato mentalmente instabile e smemorato a causa (apparentemente) degli abusi di Lsd, aiuta la ligia agente dell’Fbi Olivia e il figlio Peter a indagare su casi inspiegabili e ai limiti della plausibilità scientifica. Molte anomalie sono imputabili alla scellerata decisione di Walt di salvare la vita del figlio tramite incursioni in una realtà parallela simile alla nostra e creando così una serie di paradossi che ne minano l’equilibrio. Il tema del doppio – i personaggi del mondo principale e le loro versioni alternative – rende ancora più intrigante una serie affascinante e mind-blowing” fino all’ultimo.

2. The OA

https://www.youtube.com/watch?v=WlSXDaRR2bw

Uno scienziato che pratica agghiaccianti esperimenti pre-morte su cavie umane, una giovane donna cieca apparentemente dissociata dalla realtà che ritrova la vista e  la via di casa – dopo essere scomparsa per anni, una dimensione parallela terreno di caccia e di misteri. Scaturita dalla mistica fantasia della spirituale attrice e autrice indipendente Brit Marling, questa produzione in due stagioni di Netflix (che l’ha prodotta tra il 2016 e il 2019) è incentrata (specie dalla seconda parte) sulla realtà alternative ed è imprevedibile quanto Dark.

L’eterea Prairie Johnson, che si autodefinisce “l’Original Angel” (il primo angelo) è la figura quasi ascetica intorno alla quale orbitano alcuni discepoli, da lei eruditi sulla propria reale natura e sulla propria “missione”. Evanescente, new age, e corredata da oniriche coreografie, The Oa è il binge-watch ideale post-Dark (fosse anche unicamente perché conta solo due stagioni).

3. The Man in the High Castle

https://www.youtube.com/watch?v=zzayf9GpXCI

Se in Dark personaggi apparentemente trascurabili nel grande disegno dell’universo si adoperano per proteggere, conservare o distruggere i mondi paralleli scorrendo avanti e indietro sull’asse temporale, in questa produzione di fantascienza di Amazon Prime Video sono i grandi della Storia a determinare il futuro dell’umanità. Germania e Giappone hanno vinto la Seconda guerra mondiale e si sono spartiti i territori degli Alleati, Stati Uniti in primis. Siamo negli anni ’60, il dittatore Adolf Hitler è anziano e prossimo alla dipartita, il suo erede potrebbe cambiare nuovamente la geografia del pianeta. Avvincente, teso e cervellotico, questo show è anche un thriller appassionante e una parabola politica.

Ispirata a L’uomo nell’alto castello (precedentemente conosciuto in Italia come La svastica sul sole), il romanzo del grandissimo autore di fantascienza Philip K. Dick, The Man in the High Castle è un’ucronia (una riscrittura della storia che descrive il mondo così come apparirebbe se eventi come le guerre avessero avuto esiti differenti) suggestiva e inquietante, creata dal Frank Spotnitz di X-Files.

4. 12 Monkeys

https://www.youtube.com/watch?v=wZNcVYqnCFw

Alcune serie, come Continuum, 12 Monkeys o Doctor Who, sono incentrate su protagonisti provenienti dal futuro, viaggiatori del tempo che conoscono gli eventi destinati a cambiare il destino dell’umanità e per questo si adoperano –  di più o di meno, a seconda delle proprie possibilità e credenze – per cambiarli. Se il Dottore ripete in modo estenuante che esistono momenti fissi nell’universo (eventi) che non si possono alterare, in 12 Monkeys James Cole viaggia indietro nel tempo dal 2043 per impedire a ogni costo la diffusione di un virus destinato a obliterare la razza umana. Trasposizione blockbuster syfy americano L’esercito delle dodici scimmie, cult mancato di fantascienza con un Bruce Willis sull’orlo della follia, 12 Monkeys è durato per quatto stagioni (fino al 2018).

5. The Mist

https://www.youtube.com/watch?v=INZJP8vUL_c

Stephen King è una figura a cui gli autori di Dark devono qualcosa, almeno in termini di atmosfere e di scrittura dei personaggi – protagonisti e antagonisti fallaci spesso animati da pensieri oscuri, “buoni” compresi. Per questo eravamo decisi a inserire in questa classifica un adattamento delle opere dello scrittore del Maine, tra queste La zona morta (con un protagonista che vede il futuro e può modificarlo), la seconda stagione di Castle Rock (dove un’infermiera serial killer e una manciata di cittadini di un paesello sperduto cercano di contrastare l’avvento di un culto di redivivi) e The Mist. Abbiamo optato per quest’ultima, nella quale un gruppo di abitanti di una località isolata resta bloccata in un centro commerciale a causa di una nebbia fitta che nasconde orrende e letali creature di un’altra dimensione.

The post Le serie da guardare se sei già in “astinenza” da Dark appeared first on Wired.