Giornata mondiale dell’amicizia, le 10 più forti delle serie

0
47
Questo post è stato pubblicato qui


“Si può essere amici per sempre?”. Si chiedevano i Pooh. Aveva dato loro la risposta, qualche anno prima, Dario Baldan Bembo con il suo inno Amico è. Il cantautore sottolineava, infatti, che “l’amico è la cosa che più ce n’è meglio è. Forse, per questo motivo, nei serial americani (e non solo) di amicizie ce ne sono parecchie.

Per questo oggi, Giornata mondiale dell’amicizia, abbiamo stilato una top 10 delle più famose viste in tv. La scelta è stata ardua: prima e dopo Friends, questo tipo di rapporti si sono sprecati. Ce ne sono, però, alcuni rimasti nell’immaginario collettivo. Non si arrabbino i fan di Gossip Girl e di Teen Wolf se non scorgono Serena e Blair o Stiles e Scott. Non se la prendano nemmeno gli appassionati della complicità tra Buffy l’ammazzavampiri e Willow o di Fiona e V di Shameless.

In alcune occasioni, l’amicizia nella vita privata e quella nella finzione viaggia su binari paralleli. Eccoli, quindi, i grandi amici dei serial.

1. Rachel, Monica, Chandler, Joey, Phoebe e Ross (Friends)

Poteva non essere in vetta a questa classifica la sitcom che mette, al centro, l’amicizia? Certo che no! Un’idea così radicata da far pronunciare ai protagonisti, in ogni episodio, la parola “friends. Gli attori, anche se solo per mero interesse, hanno dimostrato una certa unità: inizialmente percepivano 22mila dollari a puntata; nel corso delle stagioni ognuno di loro veniva pagato diversamente e allora il cast si riunì e ottenne uno stipendio uguale per tutti. Un milione di dollari a puntata. Amicizia vera, invece, quella tra Courtney Cox e Jennifer Aniston: si sono date una mano durante i rispettivi divorzi. E la Aniston è la madrina della figlia della Cox. Last but not least una bella novità per i fan: ad agosto è fissata la reunion lasciata in stand-by causa Covid-19.

2. Miranda, Carrie, Samantha e Charlotte (Sex & the City)

La serie cult della HBO si ispira al libro di Candace Bushnell, con tanto di colonne settimanali sul New York Observer. Al centro della storia ci sono quattro amiche – nessuna delle quali ha mai indossato la stessa combinazione di vestiti – tra sesso e aiuti al femminile. Un po’ tutti hanno invidiato il legame del quartetto. In realtà, non è tutto oro quello che luccica: Sarah Jessica Parker e Kim Cattrall, rispettivamente Carrie e Samantha, si detestano. Dopo un botta e risposta al vetriolo su un eventuale terzo capitolo sul grande schermo (che visti i primi due ci auguriamo non si faccia!), la Parker ha scritto un post di condoglianze su Instagram rivolto alla Cattrall, che aveva perso il fratello. La risposta? “Non ho bisogno del tuo sostegno in questo tragico momento. […] la tua continua ricerca di contatto è un doloroso promemoria di quanto eri e sei crudele. Lasciami essere molto chiara (se non lo fossi già stata abbastanza): tu non sei la mia famiglia. Non sei una mia amica. Quindi per l’ultima volta ti dico di smettere di sfruttare la nostra tragedia per ripristinare la tua immagine di bella persona”. Chiaro no?

3. Will, Grace, Jack e Karen (Will & Grace)

Lo show è ispirato dall’esperienza reale del produttore Max Mutchinck, prima di fare coming out. Oltre a Will e Grace, interpretati da Eric McCormacke e Debra Messing (amici anche nella vita), ci sono i mitici Jack (Sean Hayes) e Karen (Megan Mullally) con le loro situazioni paradossali e le battute cult. Il personaggio di Karen, in particolare, è stato talmente amato che la NBC ha preso in considerazione uno spin-off: idea abbandonata dopo il flop di Joey, lo spin-off di Friends.

4. Sheldon, Leonard, Raj, Howard e Penny (The Big Bang Theory)

Un gruppo di nerd bizzarri che si danno la mano a vicenda in un modo assolutamente non convenzionale. I ragazzi di Pasadina fanno quasi tutto insieme, nonostante il guastafeste della compagnia (nonché personaggio più amato): Sheldon. È proprio lui, nel tredicesimo episodio della seconda stagione, a elaborare un diagramma di flusso con i passaggi necessari per instaurare un’amicizia.

5. Ted, Marshall, Barney, Lily e Robin (How I met your mother)

Ormai lo sappiamo tutti: questa sitcom racconta di Ted Mosby (e del suo gruppo) e di come ha fatto la conoscenza della madre dei suoi figli. Gli affetti sono al centro di tutte le stagioni. Ted e Marshall sono amici da una vita e questa è, senza ombra di dubbio, quella più pura alla Meredith e Cristina di cui sotto. Di altro tipo è il rapporto tra il donnaiolo Barney e il protagonista Ted. Due poli opposti che si attraggono: Barney, infatti, aiuta molto Ted nelle relazioni con l’altro sesso.

6. Meredith Grey e Cristina Yang (Grey’s Anatomy)

Al Seattle Grace Hospital c’è un’amicizia che supera ogni intemperia, quella di Meredith Grey e Cristina Yang. Basti sapere che il loro motto “Lei è la mia persona”. E no, non c’è alcuna relazione saffica tra le due. La citazione è ormai così popolare da essere diventata un hashtag, #myperson, molto utilizzato su Instagram per indicare un legame speciale.

7. Mike, Undici, Dustin, Lucas, Max e Will (Stranger Things)

Un gruppo di amici pronti a vivere le avventure che, negli anni ’80, tutti avremmo voluto vivere tra cattivi e terribili creature dal sottosuolo. Ecco il segreto di Stranger Things, show di successo targato Netflix, ambientato a Hawkins, giunto alla quarta stagione. Tra gli attori è nato un profondo legame d’amicizia. Quelli che, sicuramente, sono diventati best friend anche nella realtà sono Millie Bobby Brown e Noah Schanpp, rispettivamente Undici e Will. I due hanno mostrato molte volte, su Instagram, l’affetto che li lega. Chissà se i loro personaggi, che non si sono mai troppo avvicinati, avranno un risvolto anche nello show.

8. Emily e Nolan (Revenge)

Un genietto dell’informatica e una donna che torna dal passato in cerca di vendetta. Apparentemente sembrano due personalità agli antipodi. Nella realtà quella di Amanda Clarke e Nolan è un’amicizia duratura in un ambiente fatto di scorrettezze e ritorsioni da ricchi. Nolan non tradirà mai Amanda per una promessa solenne fatta al papà di lei. Non avete mai visto Revenge? Vi tocca recuperare la mancanza. Del resto, la super soap opera con Emily VanCamp (sì, la Sharon Carter del Marvel Cinematic Universe) è un piccolo cult.

9. Otis e Eric (Sex Education)

Questa serie fa sgretolare ogni tipo di stereotipo. Invidiabile l’amicizia tra il ragazzo gay Eric (interpretato da Ncuti Gatwa) e il compagno di scuola etero Otis (con il volto di Asa Butterfield). Se il primo è diviso tra l’amore per (l’ex) bullo Adam e il sexy Rahim, l’altro non riesce a dichiararsi a Maeve, la ragazza che gli fa battere il cuore. L’esuberanza di Eric fa da contraltare alla timidezza di Otis. Anche due amici come loro, però, vivono momenti duri: Otis non si presenta a un appuntamento lasciando Eric in balìa degli scherni di una gang di zotici paesani. Piccola curiosità: dopo aver visto il pilot di Sex Education, Gatwa temeva che Eric fosse troppo stereotipato. Paure svanite sul set.

10. Turk e J.D. (Scrubs)

Chi non ricorda il mitico Scrubs e l’amicizia di Turk e J.D.? Zach Braff e Donald Faison si sono conosciuti sul set della sitcom e, da quel momento, sono diventati inseparabili anche nella vita. Braff è stato addirittura il testimone di nozze di Faison. Qualche chicca: nel telefilm vengono citate molte serie incentrate sull’amicizia come Grey’s Anatomy, Una mamma per amica, Friends e Will & Grace. Lo show ha avuto così successo da avere ispirato anche un videogioco, Scrubs: The Video Game, disponibile per iOS e Android.

The post Giornata mondiale dell’amicizia, le 10 più forti delle serie appeared first on Wired.