TikTok vs Instagram Reels, così uguali così diversi…

0
236
Questo post è stato pubblicato qui
(Rielaborazione grafica: Gabriele Porro)

Ieri, mercoledì 5 agosto, Instagram ha presentato al mondo i Reels, brevi video in tutto e per tutto simili a quelli di TikTok.

La piattaforma di proprietà di Mark Zuckerberg non è nuova all’attiva di “copiatura”: per le Stories si era chiaramente “ispirata” a Snapchat. Ma, esattamente come succede durante un compito in classe, quando il compagno di banco ti chiede di passargli le risposte e tu: “Ok, ma cambia qualcosa, così non consegniamo due verifiche uguali”, ha pensato bene di proporre qualche variante, ora e in passato.

(Immagine: Gabriele Porro/Wired)

TikTok vs Instagram Reels: scopri le differenze

Layout di Reels (sinistra) e di TikTok (destra) a confronto (immagine: Gabriele Porro/Wired)

Abbiamo analizzato nel dettaglio i due prodotti. Innanzitutto, TikTok dà la possibilità di registrare delle clip della durata di 15 o 60 secondi, mentre Reels  per il momento si limita a quelle da 15.

Un secondo particolare che salta all’occhio è il layout: il social di ByteDance dispone gli strumenti per creare il video sulla destra dello schermo, a differenza del competitor che li colloca a sinistra.

Gli strumenti in questione sono pressoché gli stessi, visto che entrambe le piattaforme permettono di interagire con l’audio, modificare la velocità del video, inserire gli effetti visivi e  impostare un timer per la durata della clip.

Insomma, i due prodotti sono parecchio simili. La prova provata: immediatamente dopo il lancio dei Reels di Instagram, sulla piattaforma hanno iniziato a comparire i primi contenuti multi-clip e noi abbiamo notato che tra quelli in evidenza molti altri non erano che ri-upload dei contenuti creati con TikTok zoommati in modo da mettere fuori campo il logo filigranato dell’app cinese.

TikTok (a sinistra) e Instagram Reels (a destra) dell’attrice Ashley Tisdale (fonte: screenshot dai social)

Probabilmente, tanti influencer e creator su Instagram hanno sfruttato il day-one di Reels per utilizzare contenuti già pronti e testare così la nuova funzionalità. Dunque, bisogna aspettare qualche giorno per iniziare a vedere i primi Reels realizzati nativamente su Ig.

TikTok, dal canto suo, concede la possibilità agli utenti di duettare con altri creando video-collaborazioni e ha un algoritmo che suggerisce le clip in base agli interessi, cosa che Instagram ancora non possiede. Quest’ultimo ora deve gestire contemporaneamente Stories, foto, video brevi, Igtv e gli ultimi arrivati Reels. Così facendo il nuovo prodotto rischia di non ottenere il giusto focus.

Sta di fatto che Reels è comunque un’alternativa a TikTok decisamente valida, probabilmente perché gli somiglia (troppo).

The post TikTok vs Instagram Reels, così uguali così diversi… appeared first on Wired.