Cosa sta succedendo tra Cina e Australia?

0
124
Questo post è stato pubblicato qui
L’ambasciata australiana a Pechino (foto: Greg Baker/Afp/Getty Images)

I rapporti diplomatici tra Cina e Australia, nell’ultimo periodo, si sono particolarmente incrinati. Le tensioni sono iniziate qualche mese fa, quando l’Australia ha chiesto l’avvio di un’inchiesta internazionale a carico di Pechino per verificarne le responsabilità nella diffusione del Covid-19 a livello mondiale, a cui la Cina ha risposto con l’imposizione di dazi particolarmente gravosi sulle merci provenienti dall’isola. Secondo quanto riportato dal quotidiano cinese amministrato dal Partito comunista Global Times, a giugno agenti dei servizi segreti australiani avrebbero fatto irruzione nelle abitazioni di alcuni reporter cinesi per interrogarli e sequestrare smartphone e computer. L’ambasciata della Cina ha condiviso sul proprio sito internet l’articolo, denunciando il fatto e sottolineando quanto l’azione sia in aperta violazione dei diritti dei cittadini cinesi.

La vicenda – emersa solo ora, ma accaduta a giugno – che coinvolge i giornalisti cinesi non farà altro che inasprire una situazione già particolarmente tesa.

I pregressi tra le due nazioni

Come riporta il Guardian, questa vicenda potrebbe spiegare perché la Cina, a luglio, ha deciso di aggiornare i propri consigli di viaggio, allertando i propri cittadini che in Australia avrebbero potuto subire “danni personali e patrimoniali” perché le forze dell’ordine australiane “perquisiscono e sequestrano arbitrariamente beni appartenenti ai cittadini cinesi”. All’epoca la mossa era stata vista come una risposta alla controparte australiana che, allo stesso modo, aveva comunicato agli australiani residenti che in Cina “i cittadini stranieri vengono arrestati arbitrariamente”.

Quanto accaduto ai giornalisti cinesi potrebbe avere, nel breve periodo, effetti anche sullintricata vicenda che coinvolge due corrispondenti australiani in Cina, Bill Birtles (Australian Broadcasting Corp, con sede a Pechino) e Michael Smith (Australian Financial Review, con sede a Shanghai), e la conduttrice con doppia nazionalità cinese e australiana Cheng Lei, arrestata il mese scorso. Lei è il volto di un programma di notizie in inglese sul canale Cgtn che fa parte della televisione di stato cinese Cctv: non si sa di cosa è accusata dalle autorità cinesi, ma per il momento si trova in un luogo sconosciuto, in custodia della polizia. Dopo il suo arresto, i nomi di Birtles e Smith sono stati fatti dagli inquirenti cinesi nel corso delle indagini e all’inizio è stato imposto loro di non abbandonare il paese. Grazie all’intercessione dall’ambasciata australiana e dopo lunghe trattative, i due alla fine hanno potuto tornare in Australia, ma non prima di essere interrogati dal ministero cinese della Sicurezza di stato.

Non è chiaro in che modo queste due ultime vicende avranno un impatto sui rapporti tra i due paesi, ma quel che è certo è che le relazioni bilaterali nel quadro della regione Asia-Pacifico sono ai minimi storici: e la situazione potrebbe peggiorare.

The post Cosa sta succedendo tra Cina e Australia? appeared first on Wired.