Giornata mondiale dell’Alzheimer: nuove speranze per le cure

0
50
Questo post è stato pubblicato qui

Il 21 settembre si celebra la Giornata mondiale dell’Alzheimer. La malattia colpisce nel mondo 40 milioni di persone. In Italia sono più di 2 milioni e 200mila i casi di demenza, 720mila dei quali legati a questa malattia. La malattia colpisce un anziano su quattro che ha compiuto gli 80 anni. Nei paesi in via di sviluppo le stime parlano di numeri in costante aumento, con il doppio dei casi ogni 20 anni. In Italia il numero di pazienti in 30 anni è destinato a triplicare.

In questa giornata, però, arriva una bella notizia per tutti i pazienti che soffrono di Alzheimer e per tutte le persone che si prendono cura di loro. A marzo 2019 erano stati fermati i test su un farmaco molto promettente per curare la patologia e non solo per trattare i sintomi dell’Alzheimer. L’Aducanumab, però, potrà avere una seconda valutazione, come previsto dall’Fda. Il professor Gioacchino Tedeschi, presidente della Società italiana di neurologia, spiega che bisognerà aspettare almeno la primavera del 2021 per capire gli esiti di questa nuova valutazione sull’anticorpo monoclonale utile per rimuovere l’accumulo di beta amiloide, causa della patologia, nelle fasi iniziali della patologia.

Secondo l’esperto in Italia potrebbero essere 500mila i pazienti che potrebbero utilizzare il farmaco, perché in una fase di disturbo cognitivo ancora lieve. Questi pazienti potranno essere individuati dal progetto Interceptor nato tre anni fa. Il professor Paolo Maria Rossini, direttore del Dipartimento di Neuroscienze – neuroriabilitazione dell’Irccs San Raffaele di Roma, responsabile del progetto, spiega:

L’Italia può essere il primo Paese al mondo che mira ad identificare un insieme di biomarcatori in grado di intercettare coloro che svilupperanno la malattia, quando ancora non ha intaccato in modo inesorabile le ‘riserve neurali.

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Via | Ansa

PROSEGUI LA LETTURA

Giornata mondiale dell’Alzheimer: nuove speranze per le cure é stato pubblicato su Scienzaesalute.blogosfere.it alle 15:54 di Monday 21 September 2020