Microsoft si espande nel gaming con Zenimax per 7,5 miliardi

0
39
Questo post è stato pubblicato qui
(Photo by Jeenah Moon/Getty Images)

Sfumato l’accordo per l’acquisizione delle operazioni americane di TikTok negli Stati Uniti, Microsoft punta su altri servizi e mette a segno una delle più importanti operazioni nel settore dei videogame. La casa di Redmond ha annunciato di aver chiuso per 7,5 miliardi di dollari l’acquisizione della società ZeniMax Media, tra i principali sviluppatori di videogiochi al mondo e proprietaria di diversi produttori, come id Software o Bethesda Softworks.

Con questa operazione, tra le più ricche degli ultimi tempi nel settore del gaming, Microsoft si garantisce un posto di tutto rispetto all’interno di un mercato che si stima possa arrivare a un valore complessivo di oltre 200 miliardi di dollari di incassi ogni anno a livello globale. Settore peraltro in cui proprio Microsoft ha già un piede ben saldo grazie alla divisione Xbox, che ad agosto 2020 ha visto le vendite complessive della sola Xbox one arrivare a 48,2 milioni di unità, come si legge su Statista.

E proprio per gli utenti Xbox l’annuncio di questa acquisizione rappresenta una grande notizia. Grazie ai nuovi accordi la libreria di giochi accessibili con il servizio di cloud-gaming in abbonamento Xbox Game Pass, che permette le opzioni multigiocatore anche su pc e altri dispositivi, si accresce dei numerosi titoli realizzati dagli studi di Bethesda, come The Elder Scrolls o Fallout, tra i più conosciuti e apprezzati dalla community a livello globale.

Microsoft espanderà così da 15 a 23 anche i suoi studi creativi, che arriveranno a occupare oltre 2.300 persone in tutto il mondo, e con la nuova libreria di giochi disponibili sulla sua piattaforma Xbox punta a far crescere ulteriormente gli iscritti al servizio Xbox Game Pass, che attualmente conta più di 15 milioni di utenti. Inoltre, come afferma l’amministratore delegato del colosso di Redmond, Satya Nadella, “Bethesda ha conosciuto un grande successo in tutte le categorie di giochi, e insieme faremo crescere la nostra ambizione di dare sempre maggiori possibilità agli oltre tre miliardi di gamer in tutto il mondo”.

Con questa mossa Microsoft ribadisce ancora una volta l’importanza del settore dei giochi per i suoi bilanci. Nel solo 2019 la voce gaming ha visto un incremento del 10% sull’anno precedente, con ricavi aumentati di oltre un miliardo di dollari. E certamente l’acquisizione di ZeniMax Media rappresenta un notevole asso nella manica anche per la competizione nel mercato delle console, soprattutto alla vigilia del lancio della nuova Xbox Series X, prevista per novembre e che dovrà contendersi la piazza con la rivale PlayStation 5, che Sony rilascerà presumibilmente negli stessi giorni.

L’accordo per l’acquisizione, una volta approvate le condizioni da parte delle parti in causa, dovrebbe concludersi entro la prima metà del 2021.

The post Microsoft si espande nel gaming con Zenimax per 7,5 miliardi appeared first on Wired.